La discarica di Borgo Montello sequestrata dalla Polizia

Discarica Borgo Montello
Discarica Borgo Montello

La Mobile nella giornata dell’8 gennaio ha sequestrato e posto i sigilli sull’invaso S8 della discarica di Borgo Montello, una discarica che già comunque supera di molto tutto quello che viene depositato nell’intera provincia. La discarica viene  gestita  dalla società Indeco e il Gip ha firmato il provvedimento in quanto la Procura ha disposto una perizia sul luogo. E a voler fare chiarezza è stato il sostituto procuratore Luigia Spinelli che in base a una perizia ha potuto accertare che l’S8 è oltre la saturazione. In questo invaso, secondo quanto accertato, avrebbero continuato ad abbancare rifiuti oltre i limiti di quanto autorizzato e previsto dalle normative regionali. In relazione al sequestro effettuato questa mattina il reato per cui si procede è quello previsto dall’art. 256 del decreto legislativo 152 del 2006 sull’attività di gestione di rifiuti non autorizzata. E proprio sulla questione della discarica di Borgo Montello la Regione Lazio è intervenuta con un nota nella quale  ha disposto anhc’essa una perizia. In un periodo precedente: “In relazione alla condizione dell’invaso S8 di Borgo Montello, la Regione precisa che, a seguito di un sopralluogo effettuato insieme agli Enti competenti per verificare i volumi in eccesso abbancati, è stata redatta una relazione, trasmessa anche alla Procura della Repubblica. L’esaurimento dell’invaso era già noto, per questo i conferimenti sono terminati nel luglio del 2015. Quanto alle altezze degli invasi, la vigente normativa permette l’innalzamento, e molte Regioni lo hanno regolamentato, tenendo conto della diminuzione progressiva nel tempo del volume delle sostanze organiche abbancate. Al momento è convocato un tavolo con Arpa Lazio, per normare in via definitiva le quote di abbancamento concesse ai singoli invasi”. In pratica i tempi della politica  adesso devono fare il loro corso ma  anche quelli della giustizia per accertare le responsabilità su quanto è accaduto.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *