La delibera sulla questione Acquacoltura: il commento del consigliere Marciano

Impianto di Acquacoltura

Un consiglio Comunale dove ha visto passare all’unanimità la delibera sull’Acquacoltura ma questo è solo il primo passo di una vicenda che è cominciata fin dal 2010. Ecco il commento del Consigliere Claudio Marciano a riguardo:

“Ieri in Consiglio Comunale, all’unanimità, è passata la nostra mozione sulla questione Acquacoltura.
In termini pratici:
a. Il Comune di Formia eseguirà un accesso agli atti in Regione per verificare lo stato delle concessioni rilasciate fino ad oggi ai mitilicoltori e itticoltor. La relazione va portata in Consiglio entro il 31 Luglio;
b. Gli atti saranno inviati alla Capitaneria di Porto con la richiesta di verificare se vi sono gabbie di cozze e orate che operano senza titolo amministrativo;
c. Il Comune eseguirà una diffida legale alla Regione Lazio affinché non rinnovi le concessioni in scadenza nel 2020, data l’incompatibilità tra le stesse e le attuali normative regionali sul Golfo area sensibile;
d. Se la Regione procederà comunque, andremo in tribunale.
La posizione espressa finora dalla Regione è deludente.
La notizia che sarebbe in corso uno studio, dalla durata di 26 mesi, sull’impatto dell’acquacoltura sul Golfo, non può determinare alcun ritardo sulla delocalizzazione off-shore delle gabbie. Già due studi, finanziati da Provincia e Regione, hanno dimostrato, quando gli allevamenti erano la metà di adesso, che gli allevamenti producono eutrofizzazione delle acque e inquinamento da plastiche. Figuriamoci ora, che sono il doppio!
E’ necessario che la città si mobiliti per rappresentare alle autorità regionali l’importanza del tema. Manifestazioni, dibattiti, iniziative devono segnalare l’esistenza di un conflitto ambientale mai dichiarato, e che oggi, data l’imminente scadenza delle concessioni al 2020, deve manifestarsi o tacere per sempre.”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *