La Corte d’Appello di Milano conferma la legittimità della delibera del divieto del burqa negli uffici pubblici

Cartello

Non è discriminazione religiosa, ma è il rispetto delle norme sulla sicurezza: la  Corte d’Appello ritiene corretta la delibera della Regione Lombardia che vieta l’ingresso alle donne con il volto coperto dal velo in luoghi pubblici. L’Associazione degli studi Giuridici sull’Immigrazione, gli Avvocati per Niente Onlus, l’Associazione Volontaria di Assistenza sociosanitaria e per i diritti dei Cittadini stranieri, Rom e sinti e la Fondazione Guido Piccini per i Diritti dell’Uomo Onlus avevano portato in tribunale la Regione Lombardia dopo l’approvazione della delibera del 2015 che vietava, per ragioni di sicurezza, l’ingresso alle donne con il burqa in luoghi pubblici. La Corte ha confermato quanto già stabilito con sentenza il 20 aprile 2017 in primo grado dal Tribunale di Milano e cioè “il divieto di ingresso a volto coperto posto nella delibera appare giustificato e ragionevole alla luce della esigenza di identificare coloro che accedono nelle strutture indicate, poiché si tratta di luoghi pubblici, con elevato numero di persone che quotidianamente vi accedono per usufruire di servizi; pertanto è del tutto ragionevole e giustificato consentire la possibilità di identificare i predetti fruitori dei servizi”. Secondo l’assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato, “la Corte, nel nuovo procedimento, ha bocciato lo strenuo tentativo proposto dai ricorrenti di consentire l’identificazione mediante rimozione temporanea del burqa. E’ al quanto strano che associazioni per i diritti degli indifesi si battano per il riconoscimento del burqa, pratica alquanto discriminatoria verso le donne, considerate di proprietà esclusiva dai loro compagni musulmani al punto che nessun altro le può guardare. La sentenza non lascia altre interpretazioni per le associazioni: la Corte condivide integralmente la motivazione del giudice di primo grado, ma questo sicuramente non basterà loro ed è scontato che si appelleranno in Cassazione.” Tra i primi a commentare la sentenza, è stata la senatrice di Fratelli d’Italia, Daniela Santanchè: “Il Governo dovrebbe prendere subito esempio da Regione Lombardia. La mia prima legge contro il burqa giace ancora in Parlamento dal 2006. In questo Paese non si ha il coraggio di dire no per questo finto buonismo, questa falsa solidarietà che dice il burqa va bene. In Italia è vietato andare in qualsiasi posto con la faccia coperta. Se io vado in qualche posto con il casco integrale o il passamontagna mi fermano. Allora non capisco perché dobbiamo creare califfati che si sottraggono alla nostra giurisdizione. Non ci sono leggi speciali per nessuno. Ci sono leggi italiane. Non facciamo tante repubbliche islamiche, non facciamo repubbliche dei Rom, non facciamo repubbliche altre rispetto a quella italiana. Chi viene nella nostra Nazione si adegua, se non gli va bene il mondo è grande. E’ dal 2007 che faccio questa battaglia sul divieto del burqa in Italia. Sono molto soddisfatta della sentenza della Corte d’Appello. Aveva fatto bene la Regione Lombardia con grande coraggio a portare avanti questa delibera. Io sto dalla parte delle donne, voglio liberarle. Il burqa non è una scelta delle donne, ma è un’imposizione del clan maschile della famiglia. Io quella di Regione Lombardia la ritengo una grande legge di libertà”. La Santanché precisa di aver “provato a indossare il burqa e significa vedere il mondo a quadratini, come fosse una grata. E’ una prigione portatele dove non ti consente di vedere il mondo. Io escludo che ci sia una donna al mondo che per sua libera scelta decida di mettersi il burqa. Noi se vogliamo liberare questo mondo dobbiamo partire dalle donne, dobbiamo liberare le donne”. Ma per il presidente del centro islamico Milano-Lombardia, dott. Ali Abu Shwaim, il problema comunque non esisterebbe: “Non vedo nelle strade di Milano e della Lombardia donne che indossano il burqa. Le leggi vanno fatte quando c’è un problema, ma se il problema non c’è non ha senso. E’ un modo utilizzato per occupare la gente cosicché loro non pensino a cose più importanti. Io non conosco nessuno che a Milano mette il burqa. Io sono per la libertà di tutti. Ognuno può vestire come vuole. Non sento nemmeno come discriminante questa legge perché credo che sia più discriminante e importante la legge anti moschea che Regione Lombardia ha fatto”.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *