La conferenza a Roma sul processo “Alba Pontina”


Conferenza

Il processo ‘Alba Pontina’ sul presunto voto di scambio sta diventando un caso nazionale. Lo hanno detto a chiare lettere, preannunciando una discussione in sede di Commissione parlamentare antimafia alcuni esponenti delPartito Democratico pontino e nazionale nel corso di una conferenza stampa dal titolo ‘Parlateci della mafia’ tenutasi presso la sede del partito in via Sant’Andrea delle Fratte a Roma. Ad illustrare la posizione del Pd e annunciare le prossime iniziative c’erano il vicepresidente dei senatori Pd e capogruppo in commissione Antimafia, Franco Mirabelli, il senatore Bruno Astorre, segretario regionale nel Lazio e il segretario provinciale di Latina Claudio Moscardelli. Sotto esame sono le dichiarazioni del pentito Agostino Riccardo. Ha esordito Mirabelli:  “Abbiamo attivato la commissione Antimafia e a fine mese audiremo il procuratore Michele Prestipino sul tema mafia-politica a Latina ma il problema è cosa dice chi in questi anni ha governato Latina senza reagire di fronte alla accertata presenza criminale e cosa dicono quei partiti i cui esponenti vengono tirati in ballo dai pentiti per vendita di voti e attività elettorali: non si tratta di una vicenda locale perché in questo quadro di criminalità sono coinvolte figure di primo piano della Lega e di Fratelli d’Italia”. Ha aggiunto Moscardelli: “Il Pd pontino ha chiesto la presenza della commissione Antimafia a Latina, un’audizione in sede nazionale affinché sia fatta chiarezza. Le dichiarazioni dei pentiti stanno mettendo a nudo una situazione che abbiamo denunciato da tempo: la presenza di un’associazione criminale alla quale viene contestato il metodo mafioso e che ha condizionato la vita politica, economica e sociale di Latina. Bisogna chiarire fino in fondo il ruolo di questi clan e i rapporti con l’ex deputato eletto nella provincia di Latina di Fratelli d’Italia Pasquale Maietta e con il deputato europeo della Lega Adinolfi, il senatore di Fdi Calandrini, il capogruppo della Lega alla Regione Lazio Tripodi.” Ha aggiunto il senatore Astorre:  “La provincia di Latina è  una delle province più attive da un punto di vista economico e non possiamo consentire che la criminalità influenzi la sua vita economica e politica. Le collusioni di questi gruppi con i politici di centro destra sono inquietanti, noi proseguiamo nella lotta a queste organizzazioni e non soltanto a parole.”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *