Ambulanza

Il sindacato della Confail ha denunciato  la sospensione dei vaccini anti-Covid per gli operatori del trasporto di emergenza sanitaria. La Confederazione autonoma italiana del lavoro ha spiegato che il 16 gennaio scorso il commissario straordinario Domenico Arcuri ha comunicato alle Regioni una riduzione del numero di dosi del vaccino della Pfizer. A sua volta la Regione ha comunicato il 20 gennaio alle Aziende sanitarie locali e a quelle ospedaliere  che, a causa della riduzione delle forniture del vaccino anti-covid, è necessario rivedere la programmazione delle somministrazioni al fine di garantire la seconda inoculazione a chi ha ricevuto già una prima dose. In attesa del nuovo calendario di distribuzione sempre la Regione chiede alle Asl di sospendere le prime dosi a qualunque categoria di popolazione, compresi gli operatori del trasporto di emergenza sanitaria. Ha affermato Vinicio Amici: “Una decisione che non può essere accettata dalla Confederazione Autonoma Italiana del Lavoro e chiede le ragioni dell’annullamento dell’appuntamento per effettuare la prima dose del vaccino nei confronti degli operatori sanitari del 118″. Amici si è rivolto in particolare al direttore generale Asl di Latina: ” Casati chiarisca la situazione allo stato attuale della programmazione vaccinale e spieghi chi ad oggi ha usufruito della prima dose e perché la gran parte degli operatori del  118 ne sono stati privati. Gli operatori del trasporto di emergenza sono indignati e disorientanti rispetto a un programma vaccinale avviato quasi un mese fa e di cui hanno cominciato a beneficiare solo nell’ultima settimana”.Il sindacato ha chiesto all’Asl di Latina di fare chiarezza su due punti: “Gli operatori del 118 vengano messi in primo luogo al corrente di qual è la reale situazione della campagna vaccinale.  In secondo luogo Casati ci dica se chi fino ad oggi si è sottoposto alla prima dose del vaccino avrà la possibilità di fare il fatidico richiamo oppure se vi sia il rischio concreto che alcune categorie professionali, come quella degli operatori del 118, vengano al momento opportuno private della seconda somministrazione a causa della carenza delle scorte del farmaco della Pfizer”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui