Forse questi rappresentanti del popolo della scorsa amministrazione comunale hanno dimenticato che sono stati vicino alle menifestazioni veliche, anzi hanno spesso presentato in comune quelle che erano le passate maniofestazioni, ma adesso hanno protestato. Dimenticano due cose: i rigidi protocolli che la Federazione Italiana Vela ha stabilito per lo svolgimento delle gare, con assenza di pubblico e con delle rigide disposizioni per questo tipo di gare, ma secondo che la città di Formia è sotto amministrazione commissarile, e questo lo hanno ben definito. Che la lista “Un’Altra città” non sia stato proprio un simbolo illuminato della gestione della cosa pubblica lo si è visto in trenta mesi di governo, ma quello che non hanno capito è proprio la gestione amministrativa del territorio. E’ vero, rifiuti sono rimasti adagiati sulla spiaggia e forse il commisssario, ma si spera lo farà quanto prima, dei rifiuti relativi alla manifestazione dell’Italia Laser Cup, ma questi signori della civica forse hanno dimenticato che difficilmente, per effetto della pandemia, potranno svolgersi come l’anno scorso le attività balneari in modo regolare, come è stato quest’anno per le stazioni di sci alpino. Ma ecco quello che hanno affermato dalla civica: “ Il fine settimana appena trascorso ha visto la  città di Formia  essere lo scenario dell’Italia Cup Laser,  dove più di cinquecento tra atleti, giudici e accompagnatori hanno soggiornato e gareggiato a Formia e nelle altre città del Golfo. Un evento questo, nella filosofia da più parti reclamata a gran voce, che potrebbe essere volano per la famosa destagionalizzazione.  Ma non tutto è andato come avrebbe dovuto: ci domandiamo come mai questo evento, che ricordiamo ha coinvolto atleti provenienti da tutta la penisola, non è stato patrocinato dal comune di Formia? Come mai le spiagge utilizzate per lo stallo delle imbarcazioni avevano in (bella) vista ancora i cumuli di sabbia con detriti e rifiuti messi agli angoli dalla FRZ e non smaltiti? Siamo convinti che questi eventi siano un bel biglietto da visita per la nostra città e potrebbero riempire i mesi primaverili dando lavoro e respiro alle attività ricettive e ristorative dell’intero Golfo. Oggi vogliamo ricordare quanti in consiglio comunale, abbiano affermato con convinzione  e leggerezza che in fondo un Commissario Prefettizio non è diverso da un Sindaco, in questi mesi stiamo toccando con mano come tutto ciò non sia reale. Il Commissario forse non conosce il territorio e l’importanza di questi eventi, ma anche i dirigenti che non hanno supportato il Commissario evadendo le varie richieste forse potrebbero collaborare in modo più attento per la città. Quello di cui abbiamo parlato è solo il primo evento in programma, nei prossimi mesi ne seguiranno altri e facciamo appello al Commissario e ai dirigenti dei settori interessati del nostro Comune affinché si dia il massimo supporto alle Associazioni e agli organizzatori per accogliere  atleti che solcheranno i nostri mari, nella nostra Formia pulita, curata e decorosa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui