La bellissima Penelope Cruz al Festival di Venezia

Penelope Cruz

Bellissima, si è presentata sul red carpet con un abito corto celeste tempestato di pietre, Penelope Cruz ha incantato tutti alla presentazione a Venezia 76 del film di Olivier Assayas “Wasp Network“, spy story ispirata a una storia realmente accaduta a Cuba nei primi Anni Novanta. Nel film cinque agenti del controspionaggio cubano infiltrati nelle organizzazioni anti-castriste di Miami vengono arrestati dall’Fbi con l’accusa di spionaggio. Penelope è il cuore del film, ed interpreta la moglie di un pilota di linea cubano, che ha rubato un aereo ed è scappato verso gli USA.A proposito della sua esperienza a Cuba l’attrice ha detto: “Tutto il periodo in cui siamo stati lì io continuavo a fare domande alle persone, che sono meravigliose. E’ un luogo di cui ti innamori, soprattutto per la gente, che ha un grand cuore, valori e umiltà. Sono cose che mi toccano molto”. A proposito della vita sotto il regime cubano l’attrice ha detto: “Non mi sento molto libera di parlare di quello che loro sentono: è qualcosa che mi inquieta perché credo che nel 2019 in tutto il mondo le persone dovrebbero sentirsi libere di parlare”. Negli incontri con la stampa, l’attrice spagnola premiata con l’Oscar, ha anche parlato di come è cresciuta e di come ha gestito le pressioni dell’ambiente dello spettacolo: “Da giovane non mi interessavano droghe e alcol, amavo stare con le persone più grandi, sono stata una teenager che si è tenuta fuori dai pericoli perché volevo realizzarmi come attrice. Facevo danza classica fino a 4 ore ogni giorno. Lo sport ti salva da tanti problemi.  Ho sempre avuto forti valori, vengono dalla mia famiglia. Avere fiducia in sé è la cosa più importante. Ho detto molti no, per non perdere il rispetto di me stessa”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *