Protesta

Continua la battaglia dei dipendenti comunali del Comune di Ardea.Dopo aver dichiarato lo stato di agitazione e dopo la partecipazione massiccia dell’assemblea del 31 gennaio, le organizzazioni sindacali, Cgil Fp e Cisl Fp, hanno inviato il 3 febbraio, una nota al Prefetto di Roma per chiedere il tentativo di conciliazione obbligatoria “per la mancanza di corrette relazioni sindacali” si legge, e la mediazione della stessa Prefettura al fine di trovare in extremis un accordo con il Comune di Ardea che, come è stato spiegato da Cgil Fp e Cisl Fp, per “scongiurare  ulteriori azioni sindacali in caso di mancata convocazione o di esito negativo della riunione dal Prefetto”. Dopo l’assemblea della scorsa settimana, che si è tenuta all’esterno dell’aula consiliare negata dal presidente del Consiglio comunale, i lavoratori hanno dato mandato ai sindacati di “mettere in atto tutte le iniziative sindacali e legali” affinché si sottoscriva definitivamente la pre-intesa firmata il 19 dicembre, riguardante il contratto integrativo e la ripartizione del fondo del salario accessorio dell’anno 2019. Pre intesa, come ricordano Cgil Fp e Cisl Fp, approvata dai Revisori dei Conti e dalla Giunta il 31 dicembre 2019 prima di una nuova delibera di modifica emessa dalla stessa Amministrazione “in maniera unilaterale senza che fosse stato sottoscritto alcun ulteriore accordo con le rappresentanze sindacali”, commentano i sindacati che hanno fatto quindi sapere di aver “dato mandato agli uffici legali per la verifica della legittimità degli atti approvati in questi giorni dal Comune di Ardea al fine di attivare eventuali azioni legali, nel caso in cui non ci sia un dietro front da parte dell’Amministrazione”. Nella nota inviata alla Prefettura, si evidenza anche il “mancato trasferimento degli uffici previsto entro dicembre 2019, come da dichiarazioni del sindaco nel corso del precedente tentativo di conciliazione presso la Prefettura di Roma del 2 settembre 2019, le gravi condizioni di espletamento del servizio da parte del personale dell’anagrafe” e dei locali nel quale viene eseguito il servizio che per i sindacati “risulterebbero fuori norma rispetto alla vigente legislazione sulla sicurezza e l’igiene dei luoghi di lavoro”. All’attenzione anche “l’incerto destino lavorativo del personale comunale attualmente in servizio presso la farmacia comunale di cui è stata prevista la dismissione dal parte del Comune” Nei giorni scorsi è stato inviato anche un esposto alla Asl ed al Comune di Ardea per chiedere la derattizzazione dell’area dove è ubicata la Sala Consiliare “Sandro Pertini”, dopo che,   proseguono Cgil Fp e Cisl Fp, “essendo stati obbligati a svolgere l’assemblea all’aperto nonostante l’aula consiliare fosse vuota, è stato riscontrato il passaggio di topi. L’esposto si è reso necessario per la presenza nello stabile di uffici comunali e l’area presenta nelle vicinanze un plesso scolastico con centinaia di studenti ed il Comando della Polizia Locale”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui