Comune di Formia – foto di Pietro Zangrillo

Una carenza d’acqua che dal 2017 non fa dormire dei sonni tranquilli agli appartenwenti della Associazione cittadini per la tutela dei beni comuni di Formia che., in questa fase, ha voluto scrivere all’attuale reggente dell’amministrazione comunale, il commissario prefettizio Silvana Tizzano, per metterla al corrente delle situazione di una carenza d’acqua che si protrae da molto tempo. Ecco quello che hanno scritto indirizzando la lettera alla dottoressa Tizzano:

“Gentile Dott.ssa Tizzano,

Come Lei ben saprà, la nostra città è afflitta da anni dal problema di una inadeguata gestione del servizio idrico, che condiziona la vita sul territorio con una erogazione discontinua dell’acqua, sia per qualità sia per quantità.

Poiché Lei non risiede in città, non avrà avuto modo di notare che negli ultimi giorni molte abitazioni del centro urbano, in particolare i piani più alti, sono rimaste prive di acqua dalle 23.30 alle 5.30.

I cittadini da anni subiscono la riduzione notturna del flusso idrico, che hanno più volte segnalato al call center di Acqualatina, senza ottenere risposte adeguate o azioni significative. Tuttavia, da circa una settimana la riduzione è divenuta assenza totale di erogazione idrica.

Riteniamo lesivo dei diritti umani e della sicurezza sanitaria privare la cittadinanza dell’acqua, senza una grave emergenza che lo motivi.

La cura dell’igiene personale e l’accesso all’acqua, che dovrebbe essere garantito a tutti cittadini in qualunque ora della giornata, è in questo momento seriamente compromesso.

Il Gestore idrico diventa Gestore delle nostre vite, decidendo quando e come possiamo agire e vivere. L’acqua è un bene e diritto primario, inaccettabile un tale comportamento da parte di Acqualatina senza un motivo apparente che lo possa giustificare.

Senza acqua o con un filo di acqua dalle 23.30 alle 5.30 la cura e l’igiene personale, in particolare di persone fragili o malate, è impedita.

Le chiediamo di intervenire verso Acqualatina e la STO per riportare un regolare, dignitoso flusso idrico nelle nostre abitazioni.

La nostra sorgente, la Mazzoccolo, è ricca di acqua, di eccellente qualità, e non è accettabile non ricevere acqua nelle nostre abitazioni per lo stato disastroso in cui versa la rete idrica ormai un colabrodo. Quantunque fosse questa la motivazione di tale assenza/riduzione di flusso Le chiediamo di farsi portavoce della necessità di intervento tempestivo e risolutivo del problema. “

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui