Intorno al cantiere di Piazza del Popolo di Latina ci sono dei pannelli informativi

Pannello

Una storia della piazza che è il cuore della città, le leggende, i progetti, gli interventi previsti e foto storiche che immortalano la vita e la nascita di Latina raccontato in una lunga serie di pannelli informativi che dalla mattina del  installati dal Servizio Decoro del Comune, circondano i giardini di Piazza del Popolo, attualmente chiusi al pubblico perché è in corso un corposo intervento di riqualificazione. L’allestimento chiude i quattro lati del giardini nascondendo alla vista i lavori di restauro e racconta la storia della piazza attraverso le foto e la sua leggenda attraverso il fumetto di Tunué sul romanzo Canale Mussolini di Antonio Pennacchi. Le immagini dell’epoca mostrano il giardino di Piazza del Popolo come era in origine, con il giardino all’italiana, la fontana a zampilli che oggi si trova in piazza San Marco, la vecchia pavimentazioni, le siepi e le piante di alloro e il cantiere dell’edificio dell’Intendenza di Finanza, a un passo dalla piazza, ancora in costruzione.  Percorrendo il marciapiede che delimita l’area del cantiere sarà inoltre possibile per i cittadini conoscere nel dettaglio il progetto di riqualificazione pensato dall’amministrazione. Lo scopo è quello di ridare vita al giardino di fondazionepiantumato negli anni ’30. L’intenzione è rigenerare le aiuole, che oggi si presentano spoglie e con un terreno incolto, e ripristinare l’immagine storica delle siepi geometriche dei giardini all’italiana. Si tratta di un intervento prettamente botanico che sarà pero accompagnato anche da una bordatura perimetrale delle aiuole che impedirà di calpestarle e rovinarle, mentre saranno lasciati liberi i percorsi intorno al prato e lo spazio centrale che circonda la fontana. Ci saranno quattro nuove panchine che si aggiungono alle quattro sedute già esistenti e del tutto simili a queste per forma e materiale e verranno ripristinati sui cigli gli elementi in cotto mancanti o non stabilmente fissi. 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *