Inaugurata la Scalinata degli Angeli a Cisterna

Scalinata degli Angeli a Cisterna

E’ stata una toccante cerimonia quella del 6 agosto quando è stata inaugurata finalmente la Scalinata degli Angeli a Cisterna, che carica di un forte valore simbolico il piccolo spazio per anni dimenticato del borgo storico. Grande la partecipazione e tanta la commozione. Francesca e Martina (2013), Tiziana (2014), Alessia e Martina (2018), Desirée (2018), Elisa (2019): a loro,tutte vittime di femminicidio, è stata dedicata la restaurata scalinata di Piazza degli Angeli che le ricorderà a chiunque salirà quei gradini attraverso le 7 pietre d’inciampo in travertino bianco con i loro nomi e le date del sacrificio.  Alla cerimonia, a cui hanno partecipato in tanti, familiari e parenti delle vittime, autorità, associazioni e cittadini, hanno presenziato il prefetto Maria Rosa Trio, il presidente della Provincia Carlo Medici, il comandante provinciale dei Carabinieri Gabriele Vitagliano, il vice questore dirigente del Commissariato di Cisterna Riccardo De Sanctis, il sindaco Mauro Carturan, gli altri amministratori comunali, i parroci. L’assessore ai lavori pubblici Patrizia Capitani ha brevemente introdotto l’incontro illustrando come il restauro della scalinata sia stato fedele al disegno originale e che auspica una rinascita del centro storico. Il consigliere Fabiola Ferraiuolo, promotrice dell’iniziativa, ha letto la commovente lettera inviata da Antonietta Gargiulo, superstite della strage compiuta dal marito in cui hanno tragicamente trovato la morte le loro figlie Alessia e Martina. Dopo la deposizione di una corona a forma di cuore con all’interno sette rose rosse, il prefetto Trio ha evidenziato anche il suo ruolo di madre e di donna che ha avuto la fortuna di incontrare sulla sua strada  persone giuste e purtroppo non sempre accade. Per questo, già dalle prime avvisaglie ha invitato a segnalare tali situazioni a chi di dovere e a non isolarsi. Ha detto il sindaco Carturan: “Quando all’indomani dell’ultimo tragico evento ho parlato di agorà intendevo proprio questo, la creazione di tante “piazze” dove fare sport, lavorare, stare insieme, e dove si parla, perché parlando probabilmente potremmo salvare una vita”. Il presidente Medici ha affermato che la scalinata non deve essere solo un ricordo delle tragiche morti ma anche un impulso alla vita, la rinascita di una comunità profondamente scossa e che opera per la creazione di una nuova condotta civile e sociale.  Intensa e toccante è stata la performance diretta dal regista Emiliano Russo, musicata dalla violinista Sonia Nasso e interpretata dall’attrice Giada Villanova con sullo sfondo altre sei ragazze, tutte in vestito nuziale. “La sposa”, il titolo della performance, è stata ispirata al tour in autostop in abito nuziale dall’Italia a Gerusalemme dell’artista Pippa Bacca, tragicamente concluso con lo stupro e l’uccisione. Oltre a tanti cittadini, erano presenti i rappresentanti di numerose associazioni tra cui AIDO Cisterna, Avis Cisterna, Croce Rossa, le associazioni di Protezione civile, i Carabinieri in congedo, l’Associazione Marinai in congedo, Sostegno donna, la Consulta delle donne, l’Andos Aprilia, Centro antiviolenza Aprilia, Liith Latina, Lilt, le Suore del Preziosissimo Sangue, la Comunità filippina di Artur Villa. Un ringraziamento alla Pro Loco per il supporto, inoltre al Bouquet di Alessandra e Cartiamo di Morena per aver offerto gli addobbi floreali e i palloncini che al termine della manifestazione sono stati liberati in volo.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *