In nome del mantenimento dell’euilibrio del potere: a Gaeta è previsto a giorni un nuovo avvicendamento in lista nella squadra di governo del sindaco Mitrano, un cambio (uno già effettuato nei giorni scorsi, in totale saranno tre) a dire il vero nell’ aria da tempo ed in merito al quale, pur non essendoci un pronunciamento ufficiale, non sembrano esserci dubbi. Il ragionamento si è spostato sui tempi, ma la sensazione è che ormai sia solo questione di giorni, anzi basandosi sul modus operandi del primo cittadino, ogni giorno può essere quello giusto. Il prossimo cambio riguarderà l’ assessorato all’ ambiente ma che, oltre ai rifiuti, comprende l’assetto idrogeologico, i trasporti, la sicurezza urbana, il piano emergenza, la polizia municipale e la protezione civile di Gaeta. Dello stesso è titolare dal giugno del 2019 Felice D’ Argenzio, certamente non un personaggio di primo pelo della politica, essendosi formato ai tempi della Democrazia Cristiana e comunque dotato di una certa esperienza nello stesso settore amministrativo avendo già nel 2002, nella giunta dell’allora sindaco Massimo Magliozzi, ricevuto la delega all’igiene, ecologia, sanità, ambiente e servizi demografici. Tra l’ altro con buoni risultati. Dimessosi Pasquale De Simone, per Mitrano quella di D’ Argenzio, classe ’58, dipendente della Camera di Commercio, era ritenuta una scelta più che altro tecnica, ben ponderata, a tempo. Pur ovviamente tenendo presente che in diciotto anni tante cose sono cambiate, dalla città, al modo di amministrare, alla tecnologia. Lo scorso luglio, ritenendo di aver ormai esaurito il suo compito, lo stesso assessore si era presentato dal sindaco con una lettera di dimissioni, cestinata da Mitrano. E considerata l’ estate calda dei rifiuti, con tante criticità dovute al passaggio di consegne tra la vecchia e la nuova ditta che ha in appalto il servizio, non è stato semplice il compito di D’ Argenzio, spesso bersagliato sui social per varie problematiche. Pertanto, al momento dei saluti, risulterebbe ingeneroso attribuirgli un voto negativo. Designato, ormai da tempo a sostituirlo, Raffaele Matarazzo, classe ’55 e da un anno docente in pensione, non una novità in assoluto. Nella passata Amministrazione Mitrano, ad agosto del 2015 era subentrato a Cristian Leccese quale assessore ai lavori pubblici. Pur con idee politiche non esattamente corrispondenti a quelle di Mitrano, il professore si è sempre distinto per aver sostenuto con vigore l’ Amministrazione Comunale ed è ritenuto dallo stesso sindaco persona capace e di fiducia, portato a fare squadra. Matarazzo era entrato in consiglio comunale quale primo dei non eletti della lista Gaeta al centro, dopo la nomina ad assessore di De Simone. Ora al suo posto siederà sugli scranni dell’ aula consiliare Davide Speringo. La staffetta d’ Argenzio-Matarazzo è pronta, si attende il pronunciamento del sindaco. E per l’ assessorato all’ ambiente dovrebbe essere l’ assestamento definitivo fino al termine della consiliatura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui