IlBigottoQuando qualcuno, prete o laico che sia, incomincia ad esporre la sue interpretazione, psicologica, morale, spirituale o ironica, della Scrittura, mi vengono i brividi. Sicuramente è un problema mio, di reazione cutanea, o di comprensione, resta il fatto che il problema me lo crea. Poi inizio a interrogarmi e a incuriosirmi della materia, cercando di capire se sono in errore o se invece c’è qualcosa che non va. E mi domando: dove sta scritto che è lecita, e prima ancora giusta e vera, l’interpretazione psicologica e metaforica degli episodi biblici ed evangelici che si fa, quando, nello specifico, questi ultimi sono stati scritti per raccontare, eventi e fatti precisi? Insegna e stabilisce, riprendendo (come si soleva fare una volta) il Magistero precedente, Pio XII che: “Nessuno ignora infatti che la suprema norma d’interpretare è ravvisare e stabilire che cosa si proponga di dire lo scrittore” [Pio XII – Divino afflante Spiritu] Questo perché “i fedeli, segnatamente le persone istruite nelle scienze sia sacre che profane, vogliono sapere ciò che Dio ci ha detto nelle Sacre Lettere, anziché quello che un facondo oratore o scrittore, usando con destrezza le parole della Bibbia, ne sa cavare” [Pio XII – Divino afflante Spiritu] Molto, molto chiaro. Poi saranno, queste interpretazioni, anche pratiche utili alla causa (mi si passi il termine), ma quanto queste mantengono intatto il messaggio evangelico e biblico, anche nella sua semplicità, piuttosto che arricchirlo di interpretazioni oltre che personalistiche, moralistiche e macchiate di ogni -ismo? Il problema di fondo è che se non conosciamo ciò che Dio ha detto (perché gli mettiamo sopra le nostre, pur mirabili, interpretazioni, non conosciamo Dio; e se non conosciamo Dio tutto può diventare Dio. Come tristemente oggi accade: ognuno si costruisce una fede su misura, alla moda, spacciandola per attinente al Vangelo, con la gravissima e frustrante complicità del silenzio delle più alte autorità, chiamate anche a difendere la Scrittura da erronee interpretazioni.

admin
Author: admin

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui