IlBigotto

Sulla vicenda tra quanto accaduto tra Maurizio Sarri, allenatore del Napoli e Roberto Mancini, allenatore dell’Inter si è già detto molto, forse tutto, e il più di quello che è stato detto e scritto, a partire dalle parole utilizzate da Mancini, vanno oltre il ridicolo e il patetico. Ma tant’è. A poco giova ricordare come dare del ‘frocio’ o del ‘finocchio’ ad un altro possa essere sì poco elegante, ma non certo discriminatorio e passibile di squalifica (come di fatto è avvenuto), aggiungendo che altre espressioni, magari bestemmie o altro tipo di offese, sono tollerate piuttosto bonariamente. Ma è in corso una rieducazione di Stato e a questi teatrini dobbiamo assistere. Ma, come si suol dire, al peggio non c’è mai fine. Infatti ad accusare Maurizio Sarri non è stato solo Roberto Mancini, ma anche la Democrazia Cristiana; sì quel partito lì la cui politica è ormai storia, ma a quanto pare è ancora tra noi tanto da querelare l’allenatore del Napoli che, nella conferenza stampa in cui si è scusato con Mancini ha dichiarato: “Ho detto la prima offesa che mi è venuta in mente, gli avrei potuto dire sei un democristiano“. E i democristiani non ci stanno e, come riporta l’AdnKronos, fanno sentire la loro voce: “non vi è dubbio che il comportamento di Sarri abbia di fatto leso l’appartenenza a colori i quali si riconoscono nella Democrazia Cristiana, oltre che a tutti i cittadini che comunque ne riconoscono la valenza sociale, politica e culturale”. Di questo passo o si diventa ipocriti per cui si dice solo bene del prossimo o ogni commento ritenuto lesivo (quindi qualsiasi) è passibile di denuncia. La cosa più importante di questa vicenda è la miseria culturale in cui siamo sprofondati, tanto da occuparci di queste cose e di non avere un’intelligenza tale da evitare di scendere nel ridicolo. Finendo per utilizzare la querela come un’arma per mettere a tacere chi esprime una sua idea, piuttosto che avere la forza e la capacità di dimostrare che quell’idea sia falsa. Se Mancini e la DC leggono questo articolo, potrebbero querelarmi.

admin
Author: admin

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui