IL SLASK WROCLAW HA BATTUTO IN FINALE GLI SPAGNOLI DEL MARISTAS CORDOBA AL MEMORIAL STRAVATO PER 62 A 58

Struttura di Via Santa Apollonia
Struttura di Via Santa Apollonia
Croce rossa italina al palazzetto
Croce rossa italina al palazzetto
Dino Pascale
Dino Pascale
Spettacolo
Spettacolo
Spettacolo
Spettacolo
Spettacolo
Spettacolo
trofeo della squadra vincitrice
trofeo della squadra vincitrice
Ragazzi del Basket Itri con Bandiere nazionali
Ragazzi del Basket Itri con Bandiere nazionali
Bandiera della Spagna
Bandiera della Spagna
Bandiera della Polonia
Bandiera della Polonia
Bandiere nazionali
Bandiere nazionali
Slask Wroclaw
Slask Wroclaw
Maristas Cordoba
Maristas Cordoba
Squadra Wroclaw in riscaldamento
Squadra Wroclaw in riscaldamento
Squadra Cordoba in riscaldamento
Squadra Cordoba in riscaldamento
Pubblico
Pubblico
Gli arbitri Graziani e Matteis
Gli arbitri Graziani e Matteis
Partita Polonia Spagna
Partita Polonia Spagna
Partita Polonia Spagna
Partita Polonia Spagna
Partita Polonia Spagna
Partita Polonia Spagna
Gli arbitri Graziani e Matteis durante un time out
Gli arbitri Graziani e Matteis durante un time out
Premiazione
Premiazione
Slask Wroclaw che alza il trofeo
Slask Wroclaw che alza il trofeo

WKS SLASK WROCLAW: Szczubelek 0, Taszczuk 11, Bartyzel 12, Zelezniak 10, Sitnik n.e., Kraszewski S. n.e, Kraszewski B. 11,Omelan 0, Chmielevski 0, Rudawski 0, Bortliczek 5, Kurkowiak 13 Coach: Omelan

CLUB MARISTAS CORDOBA: Caston 0, Zapata 3, Corraliza 8, Garcia n.e., Arementeros 12, Rider n.e., Manchado 0, Cuadrado 7, Espinosa 4,  Velazquez n.e., Lazo 0, Friscia 24. Coach: Requena 1° assistente: Fernandez

Arbitri: Graziani Gianluca di Forndi e Matteis Simone di Itri

E finalmente arrivò il giorno. I figli della grande Polonia e le furie rosse del califfato di Cordoba si sono affrontate in un prodigioso duello cestistico, frutto delle fatiche che per una intera settimana le due squadre hanno affrontato come se fossero le mitiche fatiche d’Ercole, ovvero trovandoci in terra itrana le fatiche del leggendario Frà Diavolo. Ma alla fine uno solo doveva essere il vincitore e questi sono stati i figli della Polonia.

Tutto è stato preceduto da una cerimonia di chiusura che attraverso un balletto classico sulle note di Nessun Dorma della Turandot ha messo in vetrina prima il trofeo che dava la rappresentazione dell’angelo della vittoria che sulle braccia innalzava il un pallone di basket dorato.

Dopo il basket giocato. La Spagna voleva dimostrare che non era arrivata in finale per caso, ma attraverso il buon gioco espresso in ripartenze e contropiede, dando una severa lezione di gioco agli aitanti polacchi nel primo quarto, vincendolo per 15 a 19. Il secondo quarto vedeva un ribaltamento delle posizioni con la Polonia attaccante e la Spagna che subiva le iniziative dei verdi giocatori di coach Omelan, con il risultato del secondo quarto a loro favore per 16 a 9.

Dopo  l’intervallo lungo, e qui che si decidevano tutte le sorti del torneo Memorial Pasquale Stravato, con i polacchi che acceleravano e che gli spagnoli ribattevano colpo su colpo, ma per una manciata di punti i polacchi si trovavano vincenti per il punteggio del terzo quarto per 20 a 16. Purtroppo per le furie rosse, anche se si sono riportate sotto, non c’ è stato nulla da fare pur vincendo l’ultimo periodo per 11 a 14, i vincitori di questa edizione del torneo sono stati i figli del nord, i Polacchi dello Slask Wroclaw.

Il miglior marcatore dell’incontro e anche di tutto il torneo è stato lo spagnolo Friscia, autore di 24 punti, per i polacchi Kurkowiak con 13 punti.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *