Antonio Fargiorgio

Il sindaco di Itri Antonio Fargiorgio, sulla scia di quanto già altri comuni hanno già deliberato sul contenimento del contagio da Covid ritornato ad esplodere con grande intensità, ha emanato a sua volta una ordinanza stabilendo l’obbligatorietà dell’indossare la mascherina all’aperto in tuttie le ore del giorno. Ecco quello che ha stabilito il sindaco di Itri nel pomeriggio del 22 settemnbre: “Secondo un’intesa raggiunta con altri Sindaci della provincia, ho emesso un’ordinanza con la quale ho disposto l’utilizzo obbligatorio della mascherina su tutto il territorio comunale, nelle aree pubbliche e/o aperte al pubblico, senza distinzione di orari. Saranno esentati dall’obbligo soltanto i bambini di età inferiore ai 6 anni e tutte le persone che presentino una forma di incompatibilità certificata con l’uso continuativo della mascherina. Voglio da subito sgomberare il campo da equivoci di sorta, così come prevenire facili commenti sulla necessità di fare cassa attraverso l’applicazione delle sanzioni amministrative. Ho sempre sostenuto che la corretta osservanza delle norme dettate dal Governo in tema di contrasto alla diffusione del contagio da Covid19 ci impegnasse, tutti, sul piano etico ancor prima che su quello giuridico. Ho dovuto tuttavia constatare che vi è stato un certo rilassamento nel rispetto delle regole, quasi che ciascuno pensasse di non poter essere toccato dal contagio. Così facendo, ci siamo esposti personalmente al rischio della malattia e, soprattutto, abbiamo irresponsabilmente esposto chi ci è vicino, e comunque tutti gli altri, allo stesso rischio, indipendentemente dal fatto se poi vi sia stato o meno contagio. L’ordinanza deve servire da monito e mi auguro che i cittadini itrani, con il senso di grande responsabilità civica messo in atto nel periodo più triste, quello del cosiddetto lockdown, rispettino questa disposizione, invitando all’utilizzo della mascherina chi, invece, si dimostrasse restìo ad indossarla. La mia intenzione non è quella di fare cassa a seguito delle sanzioni amministrative, tutt’altro. Mi auguro, invece, che attraverso il rispetto dell’ordinanza si mantenga costantemente alta l’attenzione sulla pro-blematica, con la quale, ci piaccia o meno, per un po’ di tempo dovremo necessariamente convivere. E possiamo farlo senza essere preda di allarmismi o diventando terreno fertile per chi diffonde (volutamente o meno) delle fake news, semplicemente rispettando e facendo rispettare le regole, con quel senso di responsabilità che gli Itrani hanno già precedentemente dimostrato.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui