Il sindaco Coletta

Il sindaco di Latina Damiano Coletta è partito dal fondo ad hoc “Latina per Latina”, nato con una mozione in Consiglio comunale, e dallo stanziamento di 1.700.000 euro da parte del Comune di Latina. Il sindaco Damiano Coletta nel suo appuntamento video con i cittadini spiega che questo tesoretto servirà alle imprese e alle famiglie, a dare un supporto alla rinascita e alla ripresa del territorio. L’invito è a donare, come gesto di aiuto e solidarietà, un piccolo tassello che può aiutare a rimettere in piedi la società. Proprio ieri il primo incontro del tavolo “Patto per Latina” annunciato nelle scorse settimane da Coletta. Il primo passo per una serie di ulteriori incontri con le categorie economiche. Si è definita l’agenda dei prossimi step.  L’analisi dell’ ultimo bollettino Asl del 21 aprile, che ha segnalato “contagi zero” per la provincia di Latina. Latina città è ferma a 99 casi, Fondi 108. Il totale è di 471 positivi da inizio emergenza, con 159 che si sono negativizzati. ha spiegato il primo cittadino:  “Il direttore generale Casati ha dichiarato che sono stati fatti meno tamponi, 170 contro gli abituali 300. Il dato numerico va quindi sempre contestualizzato: zero casi ma su un numero ridotto di tamponi. Il trend è però quello di una situazione sotto controllo. Fino ad ora sempre identificati i link epidemiologici, quasi sempre familiari. Il timore nella prima fase era la difficoltà di definire link epidemiologici e molte delle situazioni erano lavorative. Altro dato è che l’80% dei contagiati è curato a domicilio, questo ci conferma quanto sia importante investire sulla medicina del territorio. Occorre lavorare su due livelli: l’ospedale per l’emergenza e la medicina del territorio appunto, che consente in questo caso di agire nelle prime fasi della malattia. Questa esperienza ci dice che dobbiamo investire su alcuni modelli di sanità. Non dobbiamo però abbassare la guardia fino al 3 maggio dobbiamo essere rigorosamente osservanti delle norme. Qualcuno chiede alcune autorizzazioni. E’ il caso dei cimiteri. Io ci vorrei ragionare un po’, è una legittima richiesta e lo capisco. Dobbiamo sapere che in questo momento rimane prioritaria la sicurezza”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui