Il segretario politico di Lbc Giri sta lavorando all’alleanza con il PD a Latina

Comune di Latina

E’ un dialogo politico confermato anche dal sindaco Damiano Coletta perchè Lbc lavora alla costruzione di nuove alleanze politiche, guardando al Pd e alle altre forze dalle sensibilità vicine come spiega il segretario Lbc Francesco Giri. “Non siamo spinti dalla necessità di essere più solidi nei numeri delle maggioranze consiliari, né soffriamo di crisi di inconcludenza o visione politica. Sentiamo la necessità di mettere a sistema le energie della città su dei temi ben precisi, in un momento in cui riteniamo di aver svolto a sufficienza una faticosa opera di normalizzazione dopo venti anni in cui in città hanno prevalso caos e assenza di regole per favorire interessi privati di pochissimi.”  Passa il segretario di Lbc, ad elencare tutti i temi fondamentali su cui costruire il dialogo e progettare il futuro della città: “Il dialogo politico che vorremmo costruire è centrato sui temi che investono la città nei suoi aspetti più profondi. Temi dai quali non ci si può sottrarre per immaginare futuri possibili per Latina, sfide che la modernità pone perentoriamente e sulle quali siamo già in ritardo. Per noi è imprescindibile parlare di rigenerazione urbana, avendo come precetto il consumo zero di territorio, così com’è importante dare una nuova connotazione alla nostra città alla luce di quelli che sono i criteri e gli strumenti dell’urbanistica moderna; immaginare insieme alle forze produttive della città quale sia la vocazione per un futuro di sviluppo. Non si può non discutere intorno a tematiche per noi irrinunciabili quali i diritti e il welfare cittadino, con particolare attenzione alle periferie che vanno sostenute e ascoltate, valorizzando le peculiarità che le caratterizzano. La sicurezza è per noi centrale e praticabile se passa dal coinvolgimento del territorio, dalla cura delle questioni sociali e quindi dalla prevenzione. Dopo un faticoso lavoro di assestamento, la cultura è tornata ad avere un assessorato dopo anni di nulla. Possiamo dare una programmazione seria alle attività culturali della città, cercando di rafforzare l’azione meritoria che già viene svolta da associazioni e imprese. La risistemazione del Teatro e dell’intero Palazzo della Cultura, oltre alla ristrutturazione della biblioteca, vanno proprio in questa direzione. Abbiamo davanti una sfida ambiziosa una modalità di condurre un dialogo politico che per la prima volta antepone i temi e il percorso condiviso ad un presunto accordo di potere. Voglio dare il mio contributo per iniziare questo dialogo e arrivare agli Stati Generali attraverso un processo condiviso con le altre forze che vogliono bene alla città. Il Pd, il M5S e tutti quei moderati che fanno fatica ad avere un riferimento politico in chi, nel centrodestra cittadino, pensa di potersi riciclare solo cambiando casacca. Vogliamo aprire questo dialogo a momenti pubblici, organizzando un evento di discussione aperto a tutti”.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *