Il secondo giorno del Treno Verde a Roma

Volontari Treno Verde

Il secondo giorno della presenza del Treno Verde a Roma è iniziato con  una mattinata all’insegna della micro mobilità elettrica con gli attivisti del Cigno Verde che hanno attraversato Roma unendo idealmente Via dei Fori Imperiali con il binario uno di toma Termini dove sorta il Treno Verde. L’obiettivo è lanciare la petizione che chiede  al Governo di  velocizzare la scrittura dei decreti attuativi per mettere mano al codice della strada e rendere questi mezzi liberi di muoversi attraverso le nostra città. Ha dichiarato Katiuscia Eroe, portavoce del Treno Verde: “Oggi a bordo di monopattini elettrici abbiamo percorso la città  per lanciare la nostra petizione sulla micro mobilità urbana . Dei mezzi che, se legalizzati, consentirebbero di muoversi all’interno degli spazi urbani in maniera agile, libera e veloce, dimezzando i tempi di percorrenza   e soprattutto contribuendo alla lotta contro i cambiamenti climatici. Chiediamo quindi a tutti di firmare sul sito del Treno Verde, la nostra petizione per chiedere al Ministero dei Trasporti di approvare al più presto il Decreto che autorizzi nei Comuni la circolazione sperimentale della microbolità elettrica. Non c’è più tempo per aspettare!  Se si vuole aiutare i pendolari a muoversi in una città complessa come Roma, insieme al potenziamento del trasporto pubblico locale, la micromoblità rappresenta un pezzo di quel settore che cambia la vita dell’utente. Dietro non ci sono solo questioni ambientali, ma anche la possibilità di poter attraversare la città con un mezzo semplice, economico e sostenibile che dimezza i tempi di percorrenza ed è leggero e quindi si può portare anche in metro e in bus . E’ assurdo che questi mezzi non possano ancora circolare”. Domani 4 marzo alle ore 11 conferenza stampa a bordo della IV carrozza del Treno Verde per la presentazione dei dati ottenuti con il monitoraggio scientifico sulla qualità dell’aria.

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *