Beato Angelo Ramos Velazquez

In Spagna, oltre al Beato Artemide Zatti ed alla Beata Alessandrina Maria da Costa, i cooperatori salesiani venerano anche ventiquattro beati martiri uccisi nel contesto della persecuzione perpetrata durante la guerra civile spagnola, forse unica congregazione così poco nota al grande pubblico a godere di così tanti suoi figli già elevati agli onori degli altari. A questa folta schiera appartiene
Angel Ramos Velazquez, che nacque a Siviglia il 9 marzo 1876. All’età di quindici anni, di ritorno di un suo pellegrinaggio a Roma, passò per la casa salesiana di Sarria, nei pressi di Barcellona, e rimase così affascinato da quell’ambiente che in seguito decise di intraprendere proprio lì la sua vita religiosa. Emise finalmente i voti come coadiutore nel 1897. Svolse un immane lavoro apostolico in particolare nel campo della pittura e del teatro. Si dimostrò sempre umile e lavoratore, prudente ed ottimista. Allo scoppio della guerra civile cercò rifugio in una locanda di Barcellona ,ma fu riconosciuto per strada e ucciso il 13 ottobre 1936. Angel Ramos Velazquez fa parte della schiera dei ben 95 martiri salesiani spagnoli, vittime durante la guerra civile. Con 31 di essi è stato beatificato da Papa Giovanni Paolo II l’11 marzo 2001 ed è invece singolarmente commemorato dal Martyrologium Romanum.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui