Beata Anna Rosa Gattorno

La Congregazione della Causa dei Santi ha voluto tracciare la figura di Rosa Maria Benedetta Gattorno che nacque a Genova il 14 ottobre 1831 da una famiglia benestante. A 21 anni si sposò e si trasferì a Marsiglia, ma una serie di disgrazie e sfortune segnarono la sua esistenza, soprattutto quando rimase vedova.  Resa forte nello spirito comprese il vero senso del dolore e decise di prendere i voti perpetui. Attratta irresistibilmente dall’amore sconfinato di Dio per l’umanità bisognosa di salvezza, Anna Rosa Gattorno trasformò la sua vita in una continua immolazione per la conversione dei peccatori e la santificazione di tutti gli uomini. Essere “portavoce di Gesù”, per far giungere ovunque il messaggio dell’amore che salva: ecco l’anelito più profondo del suo cuore! Affidata totalmente alla Provvidenza ed animata da un coraggioso slancio di carità, la beata Anna Rosa Gattorno ebbe un unico intento, quello di servire Gesù nelle membra doloranti e ferite del prossimo, con sensibilità ed attenzione materna verso ogni umana miseria. Morì a Roma il 6 maggio del 1900. Venne beatificata nel 2000 da papa san Giovanni Paolo II, il quale nella omelia parlò di lei così (Editrice Vaticana):

CAPPELLA PAPALE PER LA BEATIFICAZIONE DI 5 SERVI DI DIO

OMELIA DEL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II

Domenica, 9 aprile 2000

1. “Vogliamo vedere Gesù” (Gv 12, 24).

Questa è la richiesta rivolta a Filippo da alcuni greci, saliti a Gerusalemme in occasione della Pasqua. Il loro desiderio di incontrare Gesù e di ascoltarne la parola suscita una sua risposta solenne: «E’ giunta l’ora che sia glorificato il Figlio dell’uomo» (Gv 12, 23). Qual è quest’«ora» a cui Gesù allude? Il contesto lo chiarisce: è l’«ora» misteriosa e solenne della sua morte e della sua risurrezione.

Vedere Gesù! Come quel gruppo di greci, innumerevoli uomini e donne lungo i secoli hanno desiderato conoscere il Signore. Lo hanno visto con gli occhi della fede. Lo hanno riconosciuto come Messia, crocifisso e risuscitato. Si sono lasciati da lui conquistare e sono divenuti suoi fedeli discepoli. Sono i santi ed i beati che la Chiesa ci addita come modelli da imitare ed esempi da seguire.

Nel contesto delle celebrazioni dell’Anno Santo, oggi ho la gioia di elevare alla gloria degli altari alcuni nuovi beati. Sono cinque Confessori della fede che hanno annunciato Cristo con la parola e l’hanno testimoniato con l’incessante servizio ai fratelli. Si tratta di ………. Anna Rosa Gattorno, vedova, ……… 4. “Io, quando sarò elevato da terra – ha promesso Gesù nel Vangelo – attirerò tutti a me” (Gv 12, 32). Sarà, infatti, dall’alto della Croce che Gesù rivelerà al mondo l’amore sconfinato di Dio per l’umanità bisognosa di salvezza. Attratta irresistibilmente da questo amore, Anna Rosa Gattorno trasformò la sua vita in una continua immolazione per la conversione dei peccatori e la santificazione di tutti gli uomini. Essere “portavoce di Gesù”, per far giungere ovunque il messaggio dell’amore che salva: ecco l’anelito più profondo del suo cuore!

Affidata totalmente alla Provvidenza ed animata da un coraggioso slancio di carità, la beata Anna Rosa Gattorno ebbe un unico intento, quello di servire Gesù nelle membra doloranti e ferite del prossimo, con sensibilità ed attenzione materna verso ogni umana miseria.

La singolare testimonianza di carità, lasciata dalla nuova Beata, costituisce ancor oggi uno stimolante incoraggiamento per quanti nella Chiesa sono impegnati a recare, in modo più specifico, l’annuncio dell’amore di Dio che guarisce le ferite d’ogni cuore e offre a tutti la pienezza della vita immortale….”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui