Sant’Ignazio di Loyola

Nasce a Loyola, nei Paesi Baschi (Spagna), nel 1491, da una famiglia di piccola nobiltà. Frequente la corte e partecipa a campagne militari. Nel 1521, costretto a stare a letto per una ferita riportata nella difesa di Pamplona, trascorre il tempo leggendo una vita di Cristo e la vita dei santi. Questi libri fanno emergere il desiderio di seguire Gesù. Inizia un lungo periodo di pellegrinaggio esteriore e interiore. L’itinerario del “pellegrino” – così si definisce Ignazio stesso nel raccontare la sua vita – ha come prima tappa Manresa, vicino Barcellona. Qui vive un’ intensa esperienza spirituale che si prolungherà lungo tutto l’arco della sua vita. Il libro degli Esercizi spirituali è il condensato di questa esperienza. in seguito va a Gerusalemme e poi a Barcellona, dove si dedica agli studi per aiutare meglio gli altri. A Parigi dove si reca per approfondire e concludere la formazione filosofico – teologica, si costituisce attorno a lui un gruppetto di studenti, che Ignazio stesso denomina “amici nel Signore”. Questi amici (tra cui incontriamo Francesco Saverio, futuro santo e patrono delle missioni) sono di diverse nazionalità e sono animati dallo stesso ideale di aiuto al prossimo. Ignazio viene ordinato sacerdote a Venezia  nel 1537 e nello stesso anno si reca a Roma insieme ai suoi amici, mettendosi a disposizione del Papa per essere inviato in missione. Nasce così la Compagnia di Gesù, approvata da papa Paolo III nel 1540. Ignazio resta alla guida dei Gesuiti fino alla sua morte nel 1556.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui