Croce

La chiesa bizantina d’Italia fa memoria di una rossanese Theodoradel secolo X, di cui si hanno poche informazioni, ricavate dalla biografia scritta da San Bartolomeo, detta anche “Bios” scritta tra il 1035 e il 1045 nella Badia di Grottaferrata, da uno dei discepoli del rossanese Nilo, San Bartolomeo abate. Theodoranasce intorno alla fine del secolo IX (poco più di uno o due decenni prima del 910, anno di nascita di Nilo), “da nobili e onesti ma non troppo agiati genitori Eusebio e Rosalia”,a Rossano, dove trascorre tutta la sua vita, fino al “28 novembre 980”, anno della sua morte. Sappiamo che, in qualità di monaca, consigliera e guida materna di Nilo, il “Bìos” ci informa che: ella “amava il santo Padre Nilo, sin da quand’era giovanetto, quasi un proprio figliuolo”.Ma, quando Nilo si fa monaco e acquista fama di saggezza e santità, accetta, con umiltà, di diventare discepola del suo discepolo. Una doppia novità, rivoluzionaria per quei tempi di omofobia o di diffidenza verso le donne, segnatamente da parte del Monachesimo, che nelle donne vedeva gli strumenti del maligno e alle donne vietava persino l’ingresso nei Monasteri. Nilo e Theodoraanticipano, per scelta di vita e comunanza di fede vissuta, di circa due secoli, i due Santi umbri, Francesco e Chiara. Il “Bìos” ci informa  di uno scambio di “lettere” tra Nilo e Theodora su una questione umana rilevante. Queste lettere sono però andate perdute, ma comunque il biografo Nilano ha fatto in tempo a vederle perché nel 945 circa, un umile e povero contadino, il ventenne Stefano, anch’egli rossanese, perso il padre, decide di monacarsi e di seguire Nilo, lascia, perciò, il suo lavoro, ma lascia anche la mamma e la sorella senza sostentamento e protezione. Nilo, che allora si trova nella zona ascetica del Mercurion conduce un’ascesi solitaria, anacoretica ed eremitica, nella grotta di S. Michele, è restio ad accogliere la richiesta, che avrebbe potuto creare proseliti e distoglierlo dal suo rapporto diretto e personale con l’Assoluto (altri infatti verranno dopo: Giorgio e Bartolomeo di Rossano, Proclo di Bisignano ecc.), ma, “non riuscendo a farlo recedere dal suo proposito” lo accoglie come suo discepolo e, nello stesso tempo, “crede giusto di prendersi sollecitudine” della mamma e della sorella di Stefano. Perciò, mosso dalla carità e dalla misericordia,  Nilo indirizza alcune “sue lettere”, le più antiche di cui ci dà notizia il “Bìos”, ma a noi non pervenute, alla “Madre Theodora”, allora Badessa Superiora del Monastero montano dell’Arenario, detto anche di Sant’Opoli, con le quali le fa richiesta di accogliere e ospitare le due familiari di Stefano, bisognose di un ricovero e di aiuto spirituale e materiale. La richiesta di affidamento della mamma e della sorella di Stefano viene favorevolmente accolta da Theodora, che dà loro ospitalità nel Monastero da lei diretto, uno dei numerosi Monasteri della famosa Montagna Santa (àghionòros) di Rossano; e lì le due donne, che ricevono spesso le visite di Stefano “nel tempo delle mietiture”, vivono alcuni anni serenamente e “in pace” fino alla conclusione della loro esistenza terrena .I passi del “Bìos” ci fanno intendere, abbastanza chiaramente, che Nilo è il fondatore di quel Monastero, che si trovava sulla montagna di Rossano e aveva due reparti, uno per monaci e l’altro per monache. Quest’ultimo egli affida a Theodora, che ne è la Badessa o Superiora. Detto Monastero era ubicato al “Varco del Rinacchio” o nella contrada di “Ceradonna” (termine che unisce due parole: la prima greca “kùria” e la seconda “domina”, aventi lo stesso significato di “la Signora”, ossia Theodora) oppure nella zona della “Vadda era Patissa” (ossia “la Valle della Badessa”,Theodora). Alcuni anni dopo, intorno al 970, Nilo, convince Theodora e le sue monache ad abbandonare il Monastero per due buoni motivi:  perché esso è in montagna, lontano dal consorzio umano, dove il clima per alcuni mesi all’anno è particolarmente rigido e l’ambiente è difficile, e soprattutto perché è esposto alle frequenti devastanti incursioni dei Saraceni islamici (che lo saccheggeranno e lo distruggeranno).  Nilo le fa trasferire a Rossano, nella Grecìa, nel quartiere più antico della città, precisamente nel Monastero femminile e annesso Oratorio di S. Maria Anastasìa. I due immobili furono “edificati a sue spese”, intorno alla metà del X secolo, da“Eufràsioo Euprassio, creato dai Basileis di Bisanzio Giudice d’Italia e di Calabria”, che allora “dimorava a Bisanzio”. L’Oratorio, che probabilmente ingloba una precedente costruzione ed era utilizzato dai monaci delle sottostanti Laure per la loro ascesi comunitaria, e il Monastero sono destinati a “un Ascetario di sacre vergini” e affidati alla “direzione di un monaco di nome Antonio”.Questi, in pochi anni, riduce l’Oratorio e il Monastero in “precarie e disastrose condizioni per l’incuria di lui”. Prossimo alla morte, “si rivolge” a Nilo, “lo costituisce procuratore di tutti i suoi beni” e lo incarica di risanare e riqualificare quegli immobili. E Nilo, poco dopo il terremoto che si abbatte sulla città (970), lascia il suo Monastero di S. Adriano (nell’attuale S. Demetrio Corone) e fa ritorno nella sua città natale per rifondare e “ricostituire” sia l’Oratorioe sia l’attiguo Monastero; entrambi li “intitola” a S. Maria Anastasìa,li destina a “tutte le vergini disperse”, della città e del territorio,e alle vedove di Rossano nonchè alle monache del Monastero dell’Arenario, trasferitesi nella città, e li affida alla direzione di “una Superiora”, la sua allieva la Badessa Teodora, che in quel Monastero trascorre il resto della sua vita e dove viene “seppellita” . Passa altro tempo  “da Bisanzio giunge a Rossano,con grande fasto e ostentazione,Eufràsio(o Euprassio), il Giudice imperiale d’Italia e di Calabria”, accolto trionfalmente da tutte le autorità politiche e religiose della città e del dominio bizantino. Ma, “dopo tre anni muore e il suo corpo fu deposto nel Monastero delle vergini di S. Anastasìa”, dove viene sepolto. Si ignora, a causa di inesistenza di fonti narrative e documentarie, qual è la vicenda storica dei due manufatti bizantini. Verosimilmente, all’indomani della latinizzazione della Chiesa e della Diocesi di Rossano (1459-1462), l’antico Oratorio di S. Anastasìa cambia il suo nome in San Marco, viene ingrandito con un corpo di fabbrica aggiunto e diventa una Chiesa aperta al pubblico fino ad anni recenti; invece, il Monastero di S. Anastasìa viene privatizzato e trasformato in una civile abitazione, ora di proprietà Nola.  Bartolomeo, il biografo di Nilo, con poche ma efficaci pennellate,ci lascia un profilo forte di Theodora, “tale di nome e di fatto” (il termine greco significa infatti “dono di Dio” o “colma di doti divine”), “una vergine molto veneranda”, “vegliarda santa e molto prudente e saggia”, una donna forte che fa una scelta di fede radicale e anticonformista di “un genere di vita ascetico assai rigido”. Ella si caratterizza come testimonianza di religiosità autorevole e credibile, tanto da fare scrivere a Bartolomeo:non so se Rossano ne abbia generata un’altra simile a lei”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui