Sant’Agnese

Agnese, vissuta nel III secolo, è tra le sante più note della Chiesa Romana, nonostante si abbiano scarse notizie storiche sulla sua vita. Le uniche testimonianze certe ne attestano la giovinezza, il martirio, la sepoltura nel cimitero sulla via Nomentana e l’autenticità delle reliquie. Agnese è stata vittima di un doppio martirio: per la castità e per la fede. Secondo una delle leggende, appena tredicenne viene chiesta in sposa da Sifrinio, figlio del prefetto di Roma Sempronio, per la sua straordinaria bellezza. Il giovane per conquistarla le promette ogni ricchezza e onore, ma Agnese gli risponde che ama e amerà solo e per sempre Gesù Cristo. Denunciata come cristiana, viene dapprima esposta nuda e poi condannata a morte. Messa al rogo, però, le fiamme si spengono miracolosamente e viene alla fine sgozzata come un agnello. Per questo l’iconografia la raffigura spesso insieme a un agnello, simbolo del candore e del sacrificio. Nel IV secolo, la principessa Costantina figlia di Costantino, fa erigere sul luogo del suo sepolcro, una chiesa sulla via Nomentana. Più volte ricostruita, è ancora oggi una tra le più importanti chiese romane. Ogni anno, il 21 gennaio, vengono offerti ai canonici della chiesa di Sant’Agnese, due agnelli bianchi, per essere benedetti e donati al papa perché dalla loro lana siano tessuti i Palli, che il Pontefice consegna ai nuovi arcivescovi metropoliti. Diceva di lei sant’Ambrogio esaltandone la gloria eterna: “La sua consacrazione è superiore all’età, la sua virtù superiore alla natura: così che il suo nome mi sembra non esserle venuto da scelta umana, ma essere predizione del martirio, un annunzio di ciò che ella doveva essere … Ecco pertanto in una sola vittima un doppio martirio, di purezza e di religione”.Sant’Agnese ha il privilegio di essere tra le sette antiche martiri – assieme a santa Lucia, Agata, Anastasia, Cecilia, Felicita e Perpetua – con il nome inserito nel Canone romano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui