Affresco con San Mauro di Parenzo

Secondo la tradizione San Mauro, posto tra i sei Santi protettori della città di Trieste, sembra essere stato un monaco originario dell’Africa. Presi i voti in giovanissima età, trascorse 18 anni in un monastero, poi si recò in pellegrinaggio a Roma e da li si recò a Parenzo in Istria dove divenne il primo vescovo della città. Fu martirizzato nel 305 durante l’ultima grande persecuzione di Diocleziano sopportando i tormenti più dolorosi. Duecento anni dopo la sua morte il Vescovo Eufrasio riesumò i suoi resti e li portò nella Basilica Eufrasiana di Parenzo. Nel VII secolo le spoglie furono trasferite a Roma da Papa Giovanni IV, originario di Zara, per sottrarle alle profanazioni degli Slavi e degli Avari. Le reliquie di San Mauro sono ancora oggi custodite a Roma in San Giovanni in Laterano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui