Il santo del 2 gennaio: santi Basilio e Gregorio


Santi Basilio e Gregorio

Basilio nasce attorno al 330 a Cesarea di cappadocia (Turchia) in una nobile famiglia profondamente crisitana. Compie gli studi prima a Costantinopoli e poi ad Atene, dove entra in profonda amicizia con Gregorio di Nazianzo, al quale è associato nella memoria liturgica. Nel 364 è ordinato sacerdote da eusebio di cesarea e, alla morte di quest’ultimo nel 370, gli succede come vescovo. Lotta strenuamente contro l’eresia ariana; si impegna a promuovere la collaborazione tra i vescovi, sostiene la natura divina dello spirito santo. e’ ritenuto uno dei padri del monachesimo orientale: scrive la Regola dei monaci, detti Basiliani. Fonda alle porte di Cesarea una cittadella della carità con ospizi, ospedali e orfanatrofi. Le opere letterarie, che sono una testimonianza della sua grandezza teologica, e l’intensa attività di di predicatore gli valgono il titolo di “Magno”. Muore nel 379. Gregorio nasce a Nazianzo (Turchia) nel 330. Condivide con l’amico Basilio la formazione culturale e il fervore mistico. Vescovo di Sàsima, quindi di Costantinopoli e infine di Nazianzo, Gregorio ha una spiccata sensibilità poetica e difende con grande ardore la divinità del Verbo; per questo motivo è chiamato anche il “teologo”. Muore nel 390.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *