San Roberto Bellarmino

Nato a Montepulciano nel 1542 da una ricca e numerosa famiglia toscana e nipote di un papa, in quanto sua mamma era sorella di Marcello II, nel 1560 entrò nella Compagnia di Gesù. Nei primi tre anni di vita religiosda soffrì di lancinanti dolori alla testa e tuttavia, al compimento degli studi teologici, sostenne la difesa della propria tesi per tre giorni consecutivi, dinanzi ad un pubblico letteralmente affascinato. Studiò teologia a Padova e a Lovanio e nel 1576 divenne primo titolare della cattedra di apologetica (difesa dell’ortodossia cattolica)all’Università Gregoriana, che in quell’epoca si chiamava Collegio Romano. In quegli anni tra i suoi alunni ci fui Luigi Gonzaga. Nominato cardinale e arcivescovo di capua nel 1599, probabilmente per tenerlo lontano da Roma nel momento culminate della controversia sulla grazia, alla miorte di Clemente VIII potè tornare nella ciottà di Pçietro, dove esercitò un grande influsso come teologo ufficiale della Chiesa. Scrisse molte opere esegetiche, pastorali e ascetioche. Morì a Roma il 17 settembre del 1621 e il processo di beatificazione, iniziato poco dopo, sio protrasse per bemn tre secoli. Poi in un anno solo, nel 1930, ebbe da Papa Pio XI la triplice glorificazione di beato, di santo e di dottore della Chiesa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui