Beata Ida di Boulogne

Ida nacque dal duca Goffredo IV di Lorena e dalla sua prima moglie Doda; e fu data in sposa a Eustachio II, conte di Boulogne, all’età di diciassette anni. Due dei loro figli, Goffredo il Buglione e Baldovino, divennero governatori crociati del regno latino di Gerusalemme e la loro nipote Matilda fu regina d’Inghilterra. Alla morte di Eustachio, Ida ricevette una notevole eredità che spese per aiutare i poveri e costruire o restaurare monasteri, tra cui Saint-Wulmer a Boulogne, Vasconvilliers, Nostra Signora della Cappella a Calais e Saint-Bertin. Con il passare degli anni, Ida si ritirò sempre più dal mondo, anche se non sembra sia mai diventata una religiosa; era una sorta di “associata spirituale” di Cluny e si può forse considerare un’oblata secolare dell’Ordine benedettino. Uno dei suoi consiglieri principali fu il grande S. Anselmo di Bec, successivamente arcivescovo di Canterbury. Morì a settant’anni e fu sepolta nel monastero di Wast (non Saint-Waast come spesso si riporta); nel 1669 le sue spoglie furono traslate nella chiesa benedettina di Parigi e vi rimasero fino al 1808, quando la comunità si trasferì a Bayeux, portandole con sé; dove sono ancora venerate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui