Beato Enrico da Bolzano

Arrigo nacque a Bolzano il 1250 circa, ma della vita di Arrigo si sa poco: pochi ricordi scritti e leggende orali. C’è chi sostiene che non si sappia con certezza in quale delle città di nome Bolzano sia nato, ma è molto probabile che fosse effettivamente originario di Bolzano in Alto Adige visto che il Boccaccio dice che era tedesco – e non ci sono altre Bolzano tedesche in Italia. Operaio analfabeta, lavorò nel suo luogo di origine e, di ritorno da un pellegrinaggio a Roma con la moglie e il figlio Lorenzo, si stabilì vicino a Treviso. Aveva preso dimora a Biancade, nei pressi della strada detta Lagozzo (vecchia sede della via Claudia Augusta), dove per vent’anni fece il boscaiolo e l’uomo di fatica. Ormai vecchio, mortagli la moglie, si recò nella vicina città, dove visse abitando in una catapecchia situata presso l’attuale chiesa a lui dedicata, in via Antonio Canova, messagli a disposizione dal notaio da Castagnole, e mendicando non per sé ma per i poveri della città: in particolare si impegnava con coraggio e costanza a strappare ai nobili e ai ricchi commercianti consistenti contributi per i più sfortunati. Il vescovo stesso e il signore della città (un da Camino) non gli ricusavano il loro aiuto. A Treviso, come nella sua Bolzano, fu assiduo alla santa Messa e alla Comunione; pare che visitasse ogni giorno tutte le chiese della città, dormisse su un miserrimo giaciglio, portasse un ruvido saio, fosse dedito a estenuanti veglie di preghiera. La tradizione attribusce ad Arrigo (“o vero o non vero che si fosse”, come dice il Boccaccio) l’intercessione per numerosi miracoli già da vivo, ma soprattutto dopo morto, e del risuonare misterioso di campane alla sua morte parla anche Gabriele D’Annunzio. Arrigo divenne presto popolare in tutta l’Italia del Nord, dove gli vennero dedicati altari ed affreschi in molte chiese (per esempio Santa Toscana a Verona). A Treviso confluivano annualmente migliaia di pellegrini a lui devoti perché lo riconoscevano vicino ai poveri, ai mendicanti, agli emarginati. Si propose al Papa anche la sua canonizzazione, che fu rifiutata, pare, per mancanza di sufficienti offerte in denaro. Nel 1759, due costole di Arrigo furono solennemente traslate dal Duomo di Treviso a Bolzano con grande partecipazione di fedeli (130 cavalieri, cinque carri bardati a trionfo, rappresentanti delle corporazioni e del clero) e collocate nella ora scomparsa cappella di Loreto del Duomo, nel presbiterio del quale, peraltro, sono tuttora venerate. Nel 1750 il culto del beato – considerato protettore dei boscaioli – fu approvato da Benedetto XIV per la diocesi di Treviso, e da Pio VII, agli inizi dell’Ottocento, per quella di Trento, da cui dipendeva Bolzano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui