Il referendum in Italia del 4 dicembre: vince il NO

Matteo Renzi
Matteo Renzi
Conferenza stampa Renzi
Conferenza stampa Renzi

Una catastrofe elettorale si è abbattuta su Matteo Renzi ed il suo governo in carica, la sua riforma costituzionale, mettendo in gioco gli italiani a livello elettorale, ha perso. Perso perché la sua arroganza, il mettersi al comando da solo, non sentendo il parere degli italiani, che ha portato avanti riforme pessime come gli Jobs Act e la Buona Scuola, ha fatto perdere la pazienza agli italiani. L'”Accozzaglia” elettorale, come l’ha definita lui ha determinato questo risultato elettorale:

Italia Tutti 20,14 57,22 68,48
 
Estero Tutti   30,74
 
IN COMPLESSO Tutti   65,47

 

 Italia

Elettori 46.720.943  
Votanti 31.997.916 68,48 %
Sezioni pervenute: 61.551 su 61.551  

 

SI 40,05%                         59,95% NO
12.709.515 19.025.275
Schede bianche 74.120 0,23 %
Schede nulle 187.778 0,58 %
Schede contestate e non assegnate 1.228 0,00 %

Estero

 

 

Elettori 4.052.341  
Votanti 1.245.929 30,74 %
Comunicazioni pervenute: 1.618 su 1.618  

 

SI 64,70%                         35,30% NO
722.672 394.253
Schede bianche 9.297 0,74 %
Schede nulle 119.174 9,56 %
Schede contestate e non assegnate 533 0,04 %

 

Come più volte ha preannunciato, se avesse vinto il No si sarebbe dimesso. Ed in lacrime egli ha lasciato, ha gettato la spugna. Dopo essere andato dal presidente Mattarella, ha firmato le sue dimissioni e lascerà il suo posto doo aver sbrigato gli affari correnti. Ma il dopo Renzi? La irrisolta questione della legge elettorale, giudicata incostituzionale dalla Corte nel 2014, non lascia spazio a dubbi: il Parlamento è costituzionalmente illegittimo, e pertanto si dovrà fare alla svelta una nuova legge elettorale. Ma saranno veramente celeri o uscirà il solito pastrocchio elettorale per salvare capra e cavoli? E poi: nel Pd sicuramente ci sarà un regolamento di conti tra i renziani e i suoi oppositori che ne chiederanno la testa. e poi? Chi sarà il leader del centro sinistra che in un referendum importante come questo si è spaccato letteralmente in due? Le risposte ci saranno nei prossimi giorni, ma un dato è certo: il renzismo è morto prima ancora di cominciare. Il rottamatore del Pd è stato rottamato irrimediabilmente, oppure no? Lo vedremo nel corso del tempo. Intanto è giunta la notizia che dovrà essere prima approvato il bilancio dello Stato poi renzi si potrà dimettere.

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *