Polizia

Alla fine la scelta, peraltro abbastanza scontata, è caduta su Latina la sede giudiziaria dove sarà celebrato il processo ‘Dirty Glass’. Lo ha deciso questa nella mattinata del 9 aprile la prima sezione del Tribunale di Roma accogliendo la richiesta presentata nella scorsa udienza  dai pubblici ministeri Claudio De Lazzaro, Luigia Spinelli e Barbara Zuin della Direzione Distrettuale Antimafiai che avevano chiesto che il processo si svolga nel capoluogo pontino. Il collegio difensivo aveva invece presentato un’eccezione sulla competenza territoriale a giudicare gli imputati chiedendo che i processi si clebrassero nei fori di Roma, Latina, Benevento e Civitavecchia dove sono stati commessi i reati. Luciano Iannotta, ex presidente del Terracina Calcio ed ex presidente provinciale di Confartigianato, dell’imprenditore Luigi De Gregoris, di Pasquale Pirolo, Natan Altomare, del colonnello dei carabinieri Alessandro Sessa, del carabiniere Michele Lettieri Carfora, dell’imprenditore di Latina Franco Cifra, di Antonio e Gennaro Festa, Thomas Iannotta e Pio Taiani erano stati arrestati il 16 settembre del 2020  per reati materia fiscale e tributaria, estorsione aggravata dal metodo mafioso, intestazione fittizia di beni, falso, corruzione, riciclaggio, accesso abusivo al sistema informatico, rilevazioni di segreto d’ufficio, favoreggiamento reale, turbativa d’asta, sequestro di persona, detenzione e porto d’armi da fuoco. Nell’udienza i giudici di Roma hanno sciolto la riserva e stabilito che la competenza è per intero del Tribunale di Latina al quale sono stati trasmessi tutti gli atti affinchè proceda a fissare l’udienza del processo che si svolge con giudizio immediato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui