Francesco D’Angelis con la Minetti – foto di Pietro Zangrillo

Sembra che il famoso assioma di Paola Villa, già sindaco di Formia, che ama ripèetere sidi poter parlare con le carte, si sia rivolto contro di lei. Infatti il portavoce di Left Formia Francesxco D’Angelis ha contestato duramente quell che è stato riportato nella delibera di giunta n.154 del 12 giugno del 2020 riguardo i centri diurni. Infatti D’Angelis ha sostenuto che i fondi destinati ai centri diurni non siano mai stati erogati, e che Pa0ola Villa abbia ancora fornito una falsa spiegazione a tutto cio. Oltre al testo della delibera, ecco che cosa sostiene il gioovane attivista riguardo questo problema: “…assicurare anche per l’anno 2020 il sostegno economico ai due centri diurni presenti sul territorio in misura uguale e in proporzione al periodo di reale apertura del servizio di Centro Diurno e comunque nei limiti dei relativi stanziamenti di bilancio previsti…”.  Questo si legge nel testo della delibera di giunta numero 154 del 12/06/2020. “in proporzione al periodo di reale apertura del servizio”. Nove parole per sancire una scelta politica che la precedente amministrazione, guidata da Paola Villa, nella sua (non) risposta fornita dal gruppo “Un’Altra Città”, ha sconfessato derubricandola come mancanza di necessità di fondi da parte dei centri stessi. Noi abbiamo ascoltato i centri diurni in questione i quali ci hanno fatto presente come le spese non fossero affatto diminuite. A fronte di rendicontazioni trimestrali o mensili, in base al centro, sì è potuto evidenziare un aumento di spesa riguardante alcuni settori: il trasporto che, essendo contingentato aveva fatto sì che aumentassero l’uso dei mezzi; l’acquisto di DPI e gel igienizzanti. Per non parlare delle spese fisse quali l’affitto e le bollette che non sono state certo sospese. Di tutto ciò doveva essere a conoscenza anche l’amministrazione di Paola Villa proprio in virtù di quelle dettagliatissime rendicontazioni di cui sopra. Eppure, senza neanche essere coinvolti nella decisione da assumere, i centri diurni per disabili hanno dovuto fronteggiare, oltre alla pandemia, una scelta politica miope e fuori dalla realtà. Non abbiamo inteso assolutamente accusare nessuno di fatti illeciti, ma abbiamo, piuttosto, voluto portare alla luce e chiedere conto, all’ex Sindaca Villa e a tutti quelli che hanno amministrato con lei, di una scelta che sarà scontata alle urne, ma che è costata molto più cara a chi l’ha subita.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui