Il passaggio di Carnevale alla Lega

Carnevale

E’ stato sancito ufficialmente il passaggio del consigliere comunale Massimiliano Carnevale nella Lega a Latina che lo stesso consigliere ha spiegato che “porta un gruppo di donne e di uomini che amano Latina e sono pronti a dare il proprio contributo in termini di militanza, idee e partecipazione. Giovani, professionisti, artigiani e operai che vedono una città e ferma e non possono tollerare questo stato di cose”.  Nei giorni scorsi, alla conferenza stampa al Foto Appio Mansio Hotel hanno partecipato l’onorevole Claudio Durigon, sottosegretario al Ministero del Lavoro, il coordinatore regionale Francesco Zicchieri, il coordinatore provinciale Matteo Adinolfi, il coordinatore comunale Federica Censi e il capogruppo alla Regione Lazio Angelo Tripodi. Carnevale ha illustrato davanti a tutti i dirigenti locali del partito di Salvini e ai militanti le ragioni che lo hanno spinto ad approdare nella Lega:  “Ringrazio il sottosegretario Claudio Durigon perché, pur non appartenendo finora allo stesso partito, in lui ho sempre trovato un uomo attento alle problematiche del territorio e disponibile ad ascoltare le ragioni di tutti. Oggi finalmente ci troviamo in un percorso comune e questo mi inorgoglisce immensamente perché so di avere nel massimo rappresentante istituzionale locale del mio partito la disponibilità di una persona attenta e di parola. Devo a lui il mio ingresso nella Lega e a Matteo Salvini che oggi rappresenta la giusta speranza per tutti gli italiani, così come il suo partito rappresenta a Latina un baluardo credibile di opposizione all’amministrazione Coletta. Da oggi lavoreremo tutti insieme, con ancora maggiore determinazione per restituire a Latina un’amministrazione che sappia rappresentare i suoi cittadini e offrire loro una speranza e un’opportunità di sviluppo e di lavoro in questa nostra splendida terra”.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *