Giuseppe Conte

Altro Dpcm del Governo anti covid, che partirà dal 26 ottobre, il 22à da quando è cominciata l’emergenza sanitaria che è anche il più duro dai tempi del lockdown. Il premier Giuseppe Conte lo ha firmato nella notte con le nuove misure restrittive anti Covid in vigore dal 26 ottobre. Resta da capire quale reale effetto sul contenimento del contagio avrà, per questo serviranno almeno dieci giorni. Le novità riguardano bar, ristoranti, piscine, palestre, scuola, negozi. Nessun divieto di spostamento tra le varie parti del territorio nazionale. Ma ecco in sintesi quello che ha detto il Presidente del Consiglio dei Ministri:

La chiusura alle ore 18 di tutti i ristoranti, bar e gelaterie, che però saranno aperti la domenica. Il governo sta accelerando sulle misure di ristoro da 1,5-2 miliardi per le categorie messe più in difficoltà dalle misure. Il Dpcm sarà in vigore da lunedì al 24 novembre.

Dad alle superiori – Nelle scuole superiori sarà possibile portare la didattica a distanza anche oltre il 75%. La disposizione contenuta nel dpcm va, di fatto, incontro alle diverse Regioni che avevano chiesto di portare la Dad al 100%.

Palestre e piscine – Il decreto prevede la chiusura di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali.

Cinema e teatri – Il nuovo dpcm prevede la chiusura di cinema, teatri, casinò e sale scommesse.

Matrimoni – Vietate le feste dopo le cerimonie religiose, come battesimi, comunioni e matrimoni.

Spostamenti – Nella versione definitiva del Dpcm viene “fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi”. Nessun riferimento a spostamenti tra Comuni o tra Regioni che restano quindi consentiti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui