Gerardo Stefanelli

Visto che siamo in tema di crisi aziendale per il Coronavirus, si paventa che la Solera Autosoft con sede a Minturno voglia chiudere per una ristrutturazione interna. Prontamente il sindaco di Minturno Gerardo Stefanelli ha scritto alla direzione generale di Milano per chiedere spiegazioni in tal senso:

Spett. Solera Italia,

i dipendenti della sede operativa di Minturno mi hanno informato della proceduta (Legge n.223/1991)da voi avviata tendente ad operare una ristrutturazione aziendale in Italia che riguarda anche la sede operativa ubicata nel mio Comune.

E’ evidente che stiamo vivendo un periodo storico molto particolare che obbliga tutti a rivedere profondamente ogni nostra idea o progetto pensato in un tempo nel quale nessuno poteva prevedere la pandemia in atto.

Lo Stesso Ministero del Lavoro, da quanto mi hanno comunicato anche le organizzazioni sindacali, hanno sottolineato che, in questo momento, non è opportuno proceder a nessun licenziamento considerata sia l’enorme difficoltà di una ricollocazione professionale occupazionale del personale, sia la possibilità di potersi avvalersi degli ammortizzatori sociali disponibili ed offerti dallo Stato per questa emergenza Covid-19. Le stesse organizzazioni sindacali si sono dette però favorevoli ad accettare esodi volontari dei lavoratori interessati.

A tutto ciò merita di essere aggiunto che è tutto interesse di questo Comune continuare a poter contare sulla presenza di Solera Italia, azienda appartenente ad un prestigioso gruppo internazionale, nel proprio territorio e a salvaguardare i livelli occupazionali.

Inoltre allo Scrivente non risulta che Solera Italia sia in una situazione di crisi economica o soffre di perdite di alcun genere. Codesta Società, infatti, ha rilevato che la società Autosoft Srl che è stato un orgoglio per il territorio di Minturno e per il basso Lazio e si è affermata nel settore dell’automotive a livello nazionale tanto da aver attratto anche la Vostra attenzione.

Sia i dipendenti che le organizzazioni sindacali mi hanno anche informato che i livelli occupazionali di Minturno dovrebbero diminuire di ben 7 unità su un totale di 20, più di un terzo dell’attuale personale. Si tratta, ovviamente, di una scelta che non solo non appare condivisibile per quanto già sinteticamente espresso, ma non lo è nemmeno se si considerano anche le gravissime ripercussioni sociali che ne deriverebbero, ulteriormente aggravate dalla congiuntura che stiamo attraversando.

Appare infine importante sottolineare che tutta la delegazione trattante, Rappresentanti Sindacali Aziendali e segreterie FIM-CISL latina e FIOM-CGIL Foggia accetterebbero senza nessun problema la proposta del Ministero del Lavoro, cioé quella di richiedere la cassa integrazione.

Confido nel vostro senso di responsabilità e porgo distinti saluti.

Il Sindaco

Dott. Gerardo Stefanelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui