Banco di Solidarità
Banco di Solidarità
Manifesto raccolta viveri
Manifesto raccolta viveri
Magazzino di Via Lamarmora
Magazzino di Via Lamarmora

Il Gruppo Arbitri Pallacanestro di Latina anche quest’anno vuole associare all’impegno tecnico arbitrale anche un momento di solidarietà come è stato fatto lo scorso campionato con il progetto “Anche i tappi vanno a canestro”, e questo significa che bisogna dare un nome a questa nuova iniziativa che la nostra delegata C.I.A. Loretta Ceccano ha voluto proporci, e si può pensare a questo motto “In campo per la solidarietà, con una palla a canestro sconfiggi la povertà” o qualcosa del genere. Ma che cosa ci ha proposto questa volta Loretta Ceccano?

Una realtà vicina a casa sua, ossia sostenere l’iniziativa del Banco di Solidarietà “Erio Muratori”.

Da cosa nasce questa esperienza? Nasce da una intuizione di tre amici, due che avevano perso nel giro di pochi mesi, mentre l’altro che era inserito in settori che avevano a che fare con situazioni di questo tipo, incontrava spesso persone che si trovavano in disagio estremo. Quindi in base a questa esigenza hanno avuto l’intuizione di dover donare qualcosa agli altri, ed ebbe inizio il primo progetto chiamato “Banco Emergenza Lavoro” per raccogliere viveri tra gli amici per aiutare tre famiglie che si trovavano in vera difficoltà, ma in poco tempo da tre famiglie si è passati a quaranta persone. E coloro che facevano la spesa si interessavano ad allargare sempre più la rete di solidarietà contando più di 250 assistiti e con l’opera di più di venti volontari. Ovviamente non avevano la pretesa di trovare la soluzione definitiva al problema, ma comunque interessarsi di persone in  difficoltà era come stare a contatto per persone che hanno un bisogno estremo, donando qualcosa del superfluo, così nasce l’esperienza del banco alimentare “Erio Muratori” come associazione di volontariato che nasce nel settembre del 2010 ed ottiene l’iscrizione nell’albo delle Associazioni di Volontariato area servizi sociali il 14 ottobre del 2011 con il n. 12 ma che già nel luglio dello stesso anno aveva ottenuto il riconoscimento regionale. Lo scopo, si diceva, è quello di raccogliere da donazioni prodotti alimentari non deperibili presso alcune aziende agroalimentari della zona, e dal Banco Alimentare del Lazio riceve un rifornimento mensile attraverso la stipula della convenzione. Attraverso segnalazioni di parroci, amici o persone che si presentano spontaneamente alla sede del Banco, poi l’oratorio della Parrocchia di San Marco, gestito dai salesiani, c’ è la possibilità di ritirare durante la settimana pane fresco, latte e merendine, anche questo cibo messo a disposizione da aziende locali.

Diamo qualche numero di questa associazione:

Riepilogo dell’attività svolta dal Banco di Solidarietà nell’anno 2014

 

Totale prodotti ricevuti e distribuiti: 58520 Kg

Distribuiti mensilmente a famiglie/comunità: n° 1765 pacchi pari a 32300 Kg di alimenti

Distribuiti durante la settimana: n° 5700 borse pari a 26220 Kg di alimenti

 

Per cui l’invito di Loretta Ceccano, delegata C.I.A. per la provincia di latina, ha un senso. Ricordiamo che la sede legale dell’Associazione si trova in Via Ecetra 30, e che il deposito si trova in Viale Lamarmora, e per chi volesse fare la donazione attraverso il 5 per mille il codice fiscale dell’Associazione è il seguente: 91112780597

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui