Il Formia Calcio perde con l’Aurora Sabaudia in trasferta per 3 a 1

Logo

A.V. SABAUDIA: Barbaro, Bianco, Dalla Nora, Milone, Beltramini, Racciatti (25’ st Coulibaly), Pisani, Aveta, Imparato (34’ Selva), De Iorio, Diallo. A disp.: Palmacci, Pirozzi, Rinaldi, Signoriello, Di Girolamo, Bedin. All.: Stanziale.

FORMIA: Avgul, Agrillo (24’ st Maresca), Festa, Pepe, Battaglia, Autiero, Lucignano, Sarr, Zaccaro (1’ st Petronzio), Nulli, Raspaolo. A disp.: Raso, Luchetta, Pasquale,Autore, Donati, Della Corte, Cannella. All.: Pernarella.

Arbitro: Ghinelli di Roma 2

Assistenti: Di Mambro-Conti

Reti: 15’ pt. Zaccaro (F, rig.), 1’st aut. Autiero (S), 44’ st Selva (S), 50’ st Aveta (S)

Note: al 15’ st espulso Raspaolo (F) per somma di ammonizioni; ammoniti Milone, Dalla Nora, Diallo, Imparato, Coulibaly (S), Raspaolo, Agrillo, Battaglia, Maresca (F); recupero 2’ pt, 5’st.

Perdere contro l’ultima in classifica è stato veramente uno smacco. Una partita spigolosa, almeno dal numero delle ammonizioni che poi dal taccuino del direttore di gara sono state comminate, ben 9, e se non è un record poco ci manca. E per questo il Formia Calcio, che ha provato a far sua la partita, è uscita dal campo dell’Aurora Calcio, con una pesante sconfitta, dopo due partite vinte nelle scorse settimane. Eppure i tirrenici avevano cominciato bene con un calcio di rigore assegnato a favore dei ragazzi di mister Pernarella che è stato realizzato dal solito Zaccaro. Ma poi nel secondo tempo la bufera si è abbattuta sui biancoazzurri: già al primo minuto i padroni di casa sono pervenuti al pareggio con una sfortunata autorete di Autiero, ma dopo il 15 minuto per l’espulsione di Raspaolo per somma di ammonizioni, il Formia ha tenuto la partita sperando di prendere un punto, ma verso la fine del secondo tempo i padroni di casa mettevano a segno un uno-due micidiale che ha spento le speranze dei formiani. Un brutto stop che però non deve impedire la possibilità di sperare ancora per raggiungere le piazze che contano per la promozione in Eccellenza.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *