Il crollo nella scuola di Campoleone: l’intervento del sindaco Terra

Il sindaco Terra

E’ intervenuto il sindaco Antonio Terra in merito alla questione della scuola elementare di Campoleone dove, nei gironi scorsi, si è verificato il crollo del controsoffitto, un episodio che è avvenuto a pochi giorni dall’inizio del nuovo anno, ma che ha costretto l’Amministrazione a correre ai ripari per garantire agli alunni un regolare avvio. Ha precisato il primo cittadino di Aprilia che non usa mezzi termini per puntualizzare in che modo il Comune intende procedere: “I bambini torneranno nella scuola di Campoleone solo dopo che avremo compiuto tutte le verifiche sulla stabilità dei controsoffitti e sulla sicurezza dell’edificio. Ringrazio il sindaco di Lanuvio Luigi Galieti e la dirigenza dell’Istituto Comprensivo Menotti Garibaldi. È grazie alla loro pronta disponibilità se possiamo assicurare ai ragazzi di Campoleone un regolare inizio anno scolastico, seppure in una struttura provvisoria ma situata nel loro quartiere e non lontana dalla loro scuola”. Grazie all’accordo tra il Comune di Aprilia, il Comune di Lanuvio e l’Istituto scolastico  gli alunni del plesso di Campoleone saranno ospitati nella scuola di via Carlo Marx, in attesa che i lavori per la messa in sicurezza dell’edificio interessato dai crolli siano terminati, così come le verifiche strutturali da parte dei tecnici del Comune. Ha concluso il sindaco Terra: “In questa settimana abbiamo concordato con la dirigenza dell’IC Menotti Garibaldi, alcune assemblee pubbliche coi i genitori dei ragazzi, per condividere con loro in che modo ci stiamo muovendo, per affrontare l’emergenza e garantire un tempestivo ritorno alla normalità” aggiunge il primo cittadino apriliano. Voglio però sottolineare come nessun alunno metterà piede nella struttura di via Campoleone Scalo fin tanto che non avremo la certezza assoluta che l’edificio sia in totale sicurezza per i ragazzi, per i docenti e per il personale della scuola”.

 

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *