Il comune di Terracina sarà il primo comune in provincia di Latina a gestire le pratiche di condono on – line


Comune di Terracina

Il Comune di Terracina sarà il primo a gestire in provincia di Latina le pratiche di condono edilizio on – line. Si tratta di un sistema creato da Sogeea spa, l’azienda vincitrice del bando europeo che, dopo aver digitalizzato le 14.149 pratiche presenti negli archivicittadini e certificato il loro contenuto, prevede di portare a termine, in circa 18 mesi, le 4.286 domande ancora da evadere. Ha spiegato Sandro Simoncini, presidente di Sogeea e professore di urbanistica all’Università Uninettuno. “Con questo servizio i tempi di evasione delle pratiche vengono abbattuti del 90% con modalità del tutto trasparenti. Trentacinque anni fa il Governo Craxi varò la prima legge sul Condono e ancora oggi i Comuni faticano enormemente a gestire l’annosa questione delle istanze inevase. Il rapporto del nostro Centro Studi, presentato di recente in Senato, rileva come in Italia ci siano ancora oltre 4 milioni di istanze di condono da lavorare, per oltre 19 miliardi di euro di mancati introiti, e come meno del 5% dei Comuni possieda un archivio totalmente digitale. Con questi numeri e senza una gestione innovativa gli enti locali impiegheranno almeno 20 anni per incassare quanto dovuto”. I cittadini di Terracina potranno monitorare gratuitamente lo stato di avanzamento della propria istanza, visualizzarne e integrarne la documentazione, verificare i calcoli delle somme richieste, interagire con il tecnico istruttore, fino al rilascio della concessione. Tutto in modo informatizzato e protetto, collegandosi ad una piattaforma web (chiamata Usce) che “fa da ponte” tra cittadino e pubblica amministrazione. Il Comune, da parte sua, può monitorare in tempo reale il flusso dei pagamenti e pianificare la strategia di evasione delle istanze più opportuna per le proprie esigenze. Ha dichiarato l’assessore all’Urbanistica di Terracina Pierpaolo Marcuzzi: “La materia dei condoni  è un argomento particolarmente delicato. Esistono situazioni molto differenti tra loro sia per l’impatto sul territorio sia sull’utilità per le famiglie. Molto spesso si tratta di piccole modifiche apportate proprio dalle famiglie ad appartamenti e fabbricati esistenti per adeguare gli spazi senza aumentare cubature o operare interventi sulla rete idrica e fognaria. La mancata lavorazione delle pratiche non consente di discernere tra gli immobili che possono essere messi in regola e quelli che non lo sono, determinando una condizione di illegalità intollerabile per tutti, anche per coloro che hanno diritto alla sanatoria. Abbiamo unarretrato inaccettabiledovuto alla carenza di personale e l’aumento del carico di lavoro sugli Uffici ha reso quasi insuperabili le difficoltà. L’intervento della Sogeea ci consentirà la regolarizzazione delle situazioni in sospeso e un gettito di diversi milioni di euro nelle casse comunali, tenendo però come stella polare il rigoroso rispetto della legge, a tutela dei diritti dei cittadini, del suolo e dell’ambiente”.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *