Logo

Nella mattina del 13 aprile il Comune di San Felice Circeo, rappresentato dal sindaco Giuseppe Schiboni, ha partecipato alla “Belt and Road Exhibition 2021 – Digital edition”, un evento online in programma dal 12 al 15 aprile, rivolto ad aziende e istituzioni interessate a un interscambio culturale e commerciale tra la nostra nazione e l’oriente, organizzato dalla società di comunicazione Micromegas e promossa dall’Istituto Italiano Obor, struttura che si occupa di mettere in rete esperienze, proposte e contributi degli stakeholder interessati alla nuova Via della Seta (nota in inglese come BRI o Belt and Road). La manifestazione è la più importante in Italia nel suo genere e anticipa le celebrazioni per l’Anno Sino-Italiano della Cultura e del Turismo, riprogrammate dal 2020 al 2022. Solo dalla Cina, sono previsti fra i 300 e i 500 milioni di contatti online. Durante i quattro giorni dell’evento, saranno visibili gratuitamente le conferenze e i dibattiti in calendario e verrà garantito l’accesso a una sala espositiva virtuale delle aziende e istituzioni partecipanti: queste ultime avranno la possibilità di tenere incontri B2B. Secondo dati dell’Osservatorio Economico del Ministero dello Sviluppo Economico, Statistiche import/export delle merci dell’Italia, la Belt and Road Initiative rappresenta uno dei più grandi ecosistemi commerciali di cui il nostro paese fa parte. La Cina è il nono mercato di destinazione per l’export italiano e il primo mercato di destinazione in Asia-Pacifico. Inoltre, in futuro l’accordo RCEP, appena siglato, favorirà lo sviluppo di nuove opportunità.​ La giornata del 13 aprile è stata dedicata al tema del turismo e il sindaco Schiboni ha presentato il Circeo – esempio di storia millenaria e di eccellenza turistica italiana – nel corso di una tavola rotonda alla quale sono intervenuti Giorgio Palmucci, Presidente ENIT, Leonardo Marras, Assessore al Turismo Regione Toscana, Alberto Sacco, Assessore al Commercio e Turismo Comune di Torino, Andrea Coia, Assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro del Comune di Roma, Marina Lalli, Presidente Federturismo, e Gabriele Ferrieri, Presidente ANGI – Associazione Nazionale Giovani Innovatori. Ha spiegato il primo cittadino diSan Felice Circeo: ““Siamo lieti di essere stati inseriti in un evento così prestigioso accanto ad alcuni tra i maggiori protagonisti del turismo nazionale, a dimostrazione del ruolo strategico e della considerazione nei confronti del nostro Comune in questo settore. La Cina e il Circeo condividono, ognuna a modo suo, una storia millenaria. Se pensiamo a San Felice, dalla Grotta Guattari, sede dei ritrovamenti sull’uomo di Neanderthal al borgo antico, in una passeggiata di pochi chilometri si rivivono quasi 100 mila anni di storia umanadalla preistoria ai giorni nostri, passando per la Villa dei Quattro Venti, testimonianza della presenza dell’antica Roma nel nostro territorio, e per il centro storico, dove dimorarono i Templari e del cui passaggio rimane la torre che troneggia sulla piazza centrale. Senza ovviamente dimenticare le mura megalitiche sull’acropoli.. Le possibilità di vivere il nostro territorio sono molteplici, un’esperienza a 360 gradi: archeologia, sport, passeggiate nella natura, mare, enogastronomia. E’ un sistema turistico rilevante, premiato lo scorso anno da una stagione estiva che ha registrato il tutto esaurito da giugno a settembre e che nei primi mesi del 2021 ha segnato un record di affitti e di acquisti di immobili sul territorio. La pandemia ha fatto riscoprire agli italiani le storiche mete nazionali; oggi, con la vetrina offertaci da Micromegas puntiamo ad allargare il nostro bacino turistico anche alla Cina che, dati pre-covid, porta in Italia circa 5 milioni di persone ogni anno. Eventuali accordi strategici con l’oriente potrebbero portare a una destagionalizzazione del turismo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui