Matteo Adinolfi

Left Formia ha espresso legittimamente, attraverso una nota diffusa a mezzo stampa, sul nuovo scandalo del presunto scambio dei voti che ha visto iscrivere al registro degli indagati l’attuale europarlamentare della Lega Matteo Adinolfi. Ecco quello che hanno affermato dal movimento dell’estrema sinistra: “Ancora un’inchiesta travolge la politica del territorio.Questa volta è toccato a Matteo Adinolfi, eurodeputato in quota Lega, indagato per scambio elettorale politico-mafioso. Secondo gli inquirenti, infatti, l’imprenditore Raffaele Del Prete avrebbe pagato la somma di 45mila euro al clan Di Silvio per assicurare 200 voti ad Adinolfi nel 2016, quando era capolista a Latina per la lista “Lega-Noi con Salvini” alle elezioni amministrative.Francamente, noi di LEFT FORMIA siamo molto preoccupati da questa inchiesta e dalla possibilità che qualcosa di simile possa riguardare anche le elezioni amministrative che si svolgeranno prossimamente a Formia. Un fatto questo che, se confermato dalla magistratura, sarebbe di una gravità inaudita perché vorrebbe dire che le mafie hanno inquinato non solo l’esito democratico del voto, ma soprattutto, che le stesse gestiscono e condizionano la vita politica delle nostre città, del nostro Paese. La Democrazia è per noi un valore fondamentale da difendere strenuamente. Per questo rimarremo vigili nel seguire gli sviluppi di questa vicenda, ma anche il corso delle elezioni nella nostra città.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui