Marco Savastano

Una denuncia che loro avevano fatto, tramite un video che avevano girato per trovare delle prove a riguardo, che è sfociata nella serie di arresti e di persone indagate nell’ambito dello sfruttamento e del caporalato in cui risultano coinvolti un sindacalista, un ispettore del lavoro, e titolari di aziende di trasporto e aziende agricole. Ha commentato Marco Savastano responsabile di CasaPound Latina: “Il video denuncia girato da noi tempo fa e che ri-postiamo dimostra che avevamo centrato il problema.  Da quanto riportato dalle prime dichiarazioni c’era chi “trovava” la manodopera soprattutto tra gli immigrati, chi li tesserava alla Cisl, chi copriva lo sfruttamento. Una domanda però la poniamo agli inquirenti: le cooperative che gestiscono i centri di accoglienza dai quali uscivano le risorse che poi salivano sui pulmini, non si sono mai accorte di nulla? Non hanno mai chiesto ai loro “assistiti” dove andavano la mattina alle 5 e se era tutto regolare?  Ricordiamo dichiarazioni di amministratori delle coop che dopo i nostri video  ammettevano di aver riconosciuto alcuni dei loro ospiti, ma che era tutto in regola. Ecco diciamo che forse c’è ancora da indagare ed approfondire”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui