Giuseppina Giovannoli

Il sindaco di Sermoneta Giuseppina Giovannoli ha commentato l’operazione condotta dai carabinieri della stazione locale e del reparto territoriale di Aprilia, che ha portato all’arresto di quattro persone ritenute responsabili dei tre attentati incendiari consumati a febbraio e a maggio scorsi. Un colpo durissimo che è stato inferto all’amministrazione comunale del paese, in un crescendo di violenza e ritorsioni: “A giudicare ci penserà la magistratura: piena fiducia nel loro operato. Io non posso che esprimere la mia soddisfazione per l’attività investigativa svolta egregiamente dalla Procura di Latina e dai carabinieri e conclusa in pochi mesi. Io, l’amministrazione e l’intera comunità meritavamo risposte su episodi vili e preoccupanti per una città come la nostra, che si è sempre distinta per accoglienza, solidarietà e rispetto del prossimo. Questa mattina, appresa la notizia, ho telefonato al comandante del Reparto territoriale di Aprilia colonnello Riccardo Barbera e della stazione di Sermoneta maresciallo Antonio Vicidomini per complimentarmi, a nome mio personale e dell’intera amministrazione comunale, per la brillante conclusione delle indagini sugli attentati incendiari che hanno riguardato la mia auto e quelle del vicesindaco Maria Marcelli. Aver fatto chiarezza su questa vicenda è stato importante, perché a essere minacciata non ero solo io o la vice sindaco, ma tutta la comunità. Quanto accaduto ha scosso me, Maria Marcelli e le nostre famiglie, ma non abbiamo mai abbassato la testa: la legalità e il rispetto delle regole sono stati e restano il cardine della nostra attività amministrativa e sono orgogliosa del fatto che questo sia emerso anche dalle indagini. Andiamo avanti a testa alta con ancora più convinzione ed entusiasmo, insieme a tutti i miei consiglieri, nell’interesse esclusivo del bene comune, non di pochi ma di tutti.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui