Nancy Piccaro

Ci sono solo due contagi da covid, quelli riportati nel bollettino della Asl dell11 marzo, in questi primi 4 gironi a Roccagorga dopo la fine della zona rossa. Tre lunghe settimane di restrizioni per i residenti del piccolo comune pontino, terminate lo scorso 7 marzo. Ha commentato il sindaco Nancy Piccaro: “Alla fine delle tre settimane di zona rossa stanno seguendo molti giorni di zero contagi a Roccagorga. Questo ci fa tirare un sospiro di sollievo e ci rassicura sul fatto che le misure intraprese hanno dato il giusto risultato. Si è trattato di un percorso difficile, impegnativo e faticoso che ci ha visto impegnati in prima linea nella lotta contro il virus. E’ stato un lavoro sinergico di monitoraggio e controllo che ha visto insieme all’Amministrazione l’impegno della Prefettura di Latina, della Questura, della Asl, in particolare del Dipartimento di Prevenzione, nonche’ l’Ufficio Scolastico Regionale. Oltre alla collaborazione di tutte le Forze dell’ordine, Polizia e Carabinieri, Polizia Locale, volontari della Croce Rossa e della Protezione Civile, medici e farmacisti, dipendenti e uffici comunali, attività commerciali, il mondo della scuola e soprattutto i bambini e i cittadini di Roccagorga. Ringrazio tutti perché ognuno di loro è riuscito  a dare, in base alle proprie competenze, quel giusto contributo che ci ha portato a raggiungere l’obiettivo finale e cioè l’azzeramento dei contagi nella nostra comunità. Ringrazio altresì tutte le istituzioni, gli artisti e ogni persona che ci ha espresso solidarietà per il periodo che abbiamo vissuto, come ringrazio la stampa, sia quella locale che quella nazionale, per l’attenzione che ci ha tributato usando sempre massima delicatezza e rispetto nel trattare l’argomento che, nostro malgrado, ci vedeva protagonisti in quei difficili giorni. Giorni che hanno rafforzato il senso di appartenenza e lo spirito di collaborazione nella nostra comunità e che saranno da monito per il resto del periodo pandemico che ci resta ancora da affrontare, perché questo è il momento di non abbassare la guardia per non vanificare tutti gli sforzi fatti finora, di continuare a rispettare le regole e di aderire in massa alla campagna vaccinale che speriamo possa rapidamente implementarsi per fare in modo di lasciarci alle spalle, prima possibile, questa terribile guerra che stiamo ormai combattendo tutti da un anno e che ha seminato troppe vittime e dolore nel mondo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui