Il Codici chiede al Comune di Latina di vigilare sulla gestione dei servizi cimiteriali

Cimitero di Latina

C’è qualcosa che non va  e pertanto il Codici di Latina ha sollevato solleva nuovamente il problema della gestione dei servizi cimiteriali nel capoluogo pontino e lo ha fatto con una diffidaall’assessore ai lavori pubblici Emilio Ranieri,  al Responsabile Cimitero e Servizi cimiteriale Angelica Vagnozzi e al direttore generale del Comune Rosa Iovinella anche nella sua veste di Responsabile dell’Anticorruzione dello stesso Comune oltre che al sindaco Damiano Coletta “affinché esercitino la dovuta vigilanza nei confronti della società che gestisce il cimitero”.Ha spiegato il responsabile provinciale Antonio Bottoni: “La diffida prende le mosse da lettere che il gestore, la società Ipogeo  in base all’erronea affermazione secondo cui anche le sepolture precedenti l’adozione della Deliberazione del Consiglio comunale 114 del 2008 sarebbero scadute dopo 30 anni invece che alla scadenza prevista all’epoca del decesso, sta inviando a titolari di sepolture, invitandoli a rinnovare il periodo di sepoltura, con il pagamento di una somma di denaro, o, in alternativa, a liberare la sepoltura stessa, entrandone così nella loro disponibilità. Il gestore del cimitero, peraltro, anche dinanzi a specifiche contestazioni da parte di concessionari, mantiene la sua posizione, anzi l’aggrava con la minaccia che, qualora i destinatari delle sue missive non adempiano a quanto imposto, procederà autonomamente alla liberazione del loculo, con le relative conseguenze sia in ordine alle spese che ne deriveranno sia per quanto riguarda la nuova ubicazione delle spoglie”. Secondo il Codici  le sepolture non possono essere senza titolo in quanto il periodo previsto dall’originale concessione non è scaduto, e detto periodo è e deve restare quello previsto dalle norme vigenti all’epoca della singola sepoltura. Dunque Ipogeo non può né pretendere il pagamento per il rinnovo del periodo di sepoltura, né, tantomeno, minacciare la liberazione del loculo, in caso di inottemperanza ad un obbligo del tutto presunto da egli imposto. Da qui la diffida al Comune di Latina affinché eserciti il suo potere di vigilanza sulla società concessionaria.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *