IL CERVELLO NON INVECCHIA CON L’ESERCIZIO

imgres Gli scienziati non hanno ancora chiarito le cause e i ritmi dell’invecchiamento cerebrale, anche perché si tratta di un processo molto variabile da persona a persona, qualcuno è mentalmente vecchio già a 30 anni, mentre c’è chi a 90 anni è ancora brillante. L’invecchiamento è un processo biologico naturale e come invecchia il corpo così invecchia anche il cervello, le ultime ricerche dimostrano che il miglior modo di mantenere giovane il cervello è usarlo il più possibile con interessi culturali, relazioni sociali e una moderata attività fisica. L’invecchiamento comporta anche la perdita di sinapsi, i punti di contatto fra neuroni che costituiscono il tessuto nervoso dl cervello: con l’avanzare dell’età non peggiorano tutte le performance cognitive, anzi alcune come la capacità di sintesi, possono addirittura migliorare. Ciò che in genere cala con la vecchiaia è la memoria a breve termine, disattenzioni e piccole dimenticanze si fanno più presenti, ma è possibile evitarle: basta mantenere la memoria in allenamento. Un’attività fisica regolare di tipo aerobico (corsa, bicicletta, camminata veloce, nuoto), migliora l’ossigenazione di tutto il sistema cardiovascolare e preserva la plasticità del cervello rallentando la progressione di malattie neurodegenerative come Parkinson e Alzheimer. Un ampio studio sulle patologie neurodegenerative condotto da un gruppo di genetisti australiani, ha dimostrato che le sostanze anti infiammatorie, antiossidanti e neuro protettive presenti in alcuni cibi possono diminuire i rischi di sviluppare varie forme di demenza senile. L’alimentazione ricca di olio d’oliva, frutta e verdura, cereali e vino rosso, garantisce un’elevata quantità di elementi antiossidanti e antiradicali liberi che proteggono varie funzioni cerebrali.

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *