Polizia

C’è stata un’altra settimana di intensi controlli da parte della Polizia su tutto il territorio provinciale: tra il 3 e l’8 agosto in campo 280 equipaggi, coadiuvati dal Reparto Prevenzione Crimine Lazio e unità cinofile della Polizia di Stato; sono stati effettuati 140 posti di blocco, con 2165 persone e 971 veicoli controllati; elevati 133 verbali al codice della strada. Tre sono stati gli arrestieffettuati in settimana: uno per furto continuato in concorso e resistenza a Pubblico Ufficiale e uno in esecuzione di un’ordinanza di arresto dovendo espiare ancora 2 anni e 10 mesi di detenzione ai domiciliari per i reati di corruzione, concussione e rivelazione dei segreti d’ufficio,;infine una persona è stata sottoposta a fermo per lesioni gravi. In totale sono state denunciate poi 15 persone per reati che vanno dalla sostituzione di persona e truffa, maltrattamenti, minacce, lesioni personali, atti persecutori, percosse, guida in stato di ebbrezza e detenzione di sostanza stupefacente per uso personale, furto, minacce e lesioni. Una particolare attenzione c’è stata ancora sulle zone della movida e le aree particolarmente frequentate dai giovani soprattutto lungo il litorale daGaeta a Terracina fino a San Felice Circeo. I controlli sono stati effettuati anche con l’ausilio di unità cinofile appositamente inviate dal Centro Cinofili di Nettuno: sono state effettuate diverse perquisizioni d’iniziativa che hanno permesso di rinvenire e sequestrare dosi di eroina e hashish. Hanno spiegato dalla Questura che  “la Divisione Polizia Anticrimine ha analizzato alcuni eventi delittuosi verificatisi in questa provincia”, all’esito dei quali il questore ha emesso due provvedimenti di avviso orale, una misura di prevenzione con la quale il questore avvisa il destinatario dell’esistenza di indizi precisi sulla sua condotta illecita e lo invita a tenere un comportamento conforme alla legge. A costoro è stato imposto di non accompagnarsi con altri pregiudicati. In caso di inosservanza alle prescrizioni potranno essere sottoposti alla misura di prevenzione personale più grave della sorveglianza speciale. I provvedimenti, sono stati applicati dall’Ufficio Misure di Prevenzione della Divisione Polizia Anticrimine di Latina, nei confronti di un 54enne di Fondi residente a Cisterna, pluripregiudicato per violazione normativa sugli stupefacenti, reati contro la persona ed il patrimonio, e di un 44enne di Latina con precedenti penali per reati di droga e contro il patrimonio, evasione, reati di falso, resistenza, violenza ed oltraggio a Pubblico Ufficiale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui