Il 7 dicembre ci sarà la manifestazione della “Sardine” in Piazza del Popolo a Latina


Logo Sardine Latina

Una manifestazione che nonostante le polemiche si farà: sarà Piazza del Popolo a Latina ad ospitare sabato 7 dicembre la manifestazione delle sardine.  La conferma nelle scorse ore è arrivata come sempre dagli organizzatori del gruppo nato su Facebook “6000 sardine a Latina ” Il gruppo è  nato una settimana fa continua a crescere e punta ora a raggiungere l’obiettivo dei 6mila membri e a conquistare la piazza anche nel capoluogo pontino, come accaduto in diverse città del Paese dopo il là partito dall’Emilia Romagna, da Bologna e Modena in testa. Prosegue, sempre attraverso i social network, la fase di organizzazione dell’evento che il 7 dicembre dalle 19 si terrà in centro a Latina, una settimana prima della manifestazione che è in programma il 14 dicembre in Piazza san giovanni a Roma ed è stato creato l’evento sulla pagina Facebook “6000 sardine – Latina non si lega” è lo slogan anche per l’evento del capoluogo pontino. Si legge nella presentazione dell’evento su Facebook:  “La marea delle sardine non si arresta. La destre sovraniste e populiste di questo paese e i suoi rappresentanti stanno instaurando un clima di odio e paura, dividendo il Popolo Italiano. Vogliono un Paese grottesco, dove si incentivano le disuguaglianze, l’odio e la guerra tra i più deboli. È ora di dire basta! Stretti come un banco di sardine, ci uniamo per dire che questo non accadrà nel nostro nome. È tempo di reagire a questa  narrativa politica mendace sulle spalle degli Italiani. Abbiamo bisogno di una piazza unita contro la violenza, abbiamo il dovere di dare una risposta, netta e storica. Perché la nostra città è un simbolo e insieme possiamo dimostrare che anche qui esiste una resistenza. Latina è una città meravigliosa e la sua provincia anche, sappiamo cosa vuol dire accoglienza e lo dimostrano le culture diverse che hanno convissuto dalla sua nascita ad oggi. La Lega non ci rappresenta. Travolgiamo con la nostra marea il populismo. Scendiamo in piazza portando i valori di civiltà che sono scritti nella nostra Costituzione. Diciamo basta!”. Gli organizzatori invitano tutti a partecipare, ma senza portare bandiere o simboli di partiti o associazioni.  

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *