Bandiera

Il 30 dicembre del 1922: nasce l’URSS di Lenin. L’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche fu uno Stato federale che si estendeva tra Europa orientale e Asia settentrionale, sorto sulle ceneri dell’impero zarista dopo la guerra civile russa e la presa del potere da parte dei bolscevichi comunisti di Lenin. L’Unione Sovietica si sciolse ufficialmente il 26 dicembre 1991. L’URSS era formata da 15 repubbliche socialiste, la più grande delle quali era la Russia: a sua volta suddivisa in repubbliche autonome federate. La distanza tra i suoi due punti estremi, quello orientale e quello occidentale, era superiore ai 10.000 chilometri. Il suo punto più occidentale era l’Oblast’ di Kaliningrad, al confine con la Polonia; quello più orientale il capo Dežnëv sullo stretto di Bering, che lo divideva dal continente nordamericano distante circa 80 chilometri. Un’isola nello stretto, la Grande Diomede, distava solo 3 km dalla Piccola Diomede, appartenente agli Stati Uniti d’America e si trattava della distanza minore tra le due superpotenze militari dell’epoca. Era il Paese più esteso del mondo con 22.402.000 chilometri quadrati di superficie, pari a un sesto delle terre emerse, ma era anche la Nazione più estesa d’Asia e d’Europa, per ciascuna delle parti di competenza continentale. Stalin salì al potere dopo la morte di Lenin avvenuta il 21 gennaio del 1924. In seguito, dopo la vittoria conseguita contro la Germania nazista di Hitler nella Seconda guerra mondiale, l’URSS di Stalin divenne una superpotenza economica e militare, riuscendo a imporre il suo sistema politico e sociale anche fuori dei confini nazionali, soprattutto in Europa orientale. Il suo scontro con il blocco atlantico guidato dagli Stati Uniti, portò alla famosa “guerra fredda” tra comunismo e capitalismo. La lista delle repubbliche costituenti la federazione subì nel corso del tempo numerose variazioni. Negli anni precedenti il suo scioglimento ne facevano parte quindici repubbliche. La più grande per superficie, economia e popolazione e la più importante sul piano politico era la Russia. L’organizzazione politica del Paese prevedeva un solo partito ufficialmente riconosciuto, il Partito Comunista dell’Unione Sovietico guidato da un segretario generale e dal politburo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui