Copertina

E’ stata la sua unica opera letteraria, “Via col Vento”, quella che la scrittrice Margaret Mitchell ha pubblicato in vita. Avvenne questo nel 1936 quando arrivò nelle librerie americane il 30 giugno 1936. In meno di due settimane aveva polverizzato ogni record di vendite, conquistato i severi critici letterari e consacrato l’autrice ai massimi livelli della letteratura. Un mese dopo le copie vendute erano oltre duecentomila, sei mesi più tardi un milione, mentre gli editori di tutto il mondo facevano a gara per accaparrarsi i diritti internazionali. In pochi mesi “Via col vento” si rivelò essere il primo caso editoriale planetario. Tratto da una poesia di Ernest Dowson, la stesura del romanzo è durata ben 10 anni e arrivato il momento della pubblicazione, la scrittrice non apparve subito molto convinta. Quando dovette consegnare il manoscritto al redattore del Macmillan tentennò, anche se alla fine si convinse. E fece bene dato che, in breve, divenne un best seller (tradotto il37 lingue) e il 3 maggio 1937 le fece vincere il PremioPulitzer. Non solo: questo romanzo ebbe fama anche nella versione cinematografica per un melodramma in technicolor, ambientato durante la guerra di secessione e firmato – non senza qualche colpo di scena – dal regista Victor Fleming, che conquistò ben otto premi Oscar (più due speciali) e il pubblico di tutto il mondo, grazie al suo splendido cast, daVivien Leigh a Clarke Gable, fino a Olivia De Havilland, stabilendo un record di incassi che resistette per molto tempo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui